4 Novembre 2013
13:22

Five questions a Maurizio Lai

Zero – scegli il file musicale di questa intervista Badmarsh & Shri – Signs http://www.youtube.com/watch?v=0dCE46vXEbM One – il tuo progetto che ha fatto storia Spero il prossimo, in fondo…
A cura di Valentina Pepe

Zero – scegli il file musicale di questa intervista

Badmarsh & Shri – Signs

One – il tuo progetto che ha fatto storia

Spero il prossimo, in fondo ci spero sempre!

Sostanzialmente i miei progetti raccontano la mia storia, seguono la mia evoluzione espressiva, ma non credo che ciò che ho sviluppato fino ad oggi sia cosi imperante da lasciare un segno addirittura “epocale”.

Two – Cosa vorresti firmare

Sono un onnivoro, curioso nei confronti di qualsiasi tematica progettuale, uno che affronta con grande entusiasmo tutti i progetti, provando una soddisfazione sempre uguale. Attualmente sto lavorando allo sviluppo di un centro termale olistico tra le piantagioni di caffè in Costa Rica, un progetto che avrei sempre sognato di affrontare. Proverò a limitarmi nell’uso ossessivo delle luci!

Three – In un progetto collettivo due nomi oltre al tuo

Credo nell’interazione, specialmente quando mette a contatto realtà ed esperienze diverse, ma complementari. Solitamente lavoro da solo, ma sarei entusiasta di poter collaborare con Bjarke Ingels e … Uma Thurman!

Four – Se e quanto il websharing ha cambiato il tuo lavoro

La tecnologia aiuta molto, indubbiamente, anche se dubito che catturare le informazioni con tale facilità agevoli realmente lo sviluppo del processo intuitivo.

Five – Le cinque cose che non mancheranno nel tuo prossimo WE

La mia dolce Elena, dormire almeno un’ora in più, la solita partita di squash, innaffiare le piante e una nuova foto “per la stampa”!

Taiyo, Sushi Restaurant, Milano, 2013
Taiyo, Sushi Restaurant, Milano, 2013
Con.Forme Headquarters, Corporate Office, Milano, 2013
Con.Forme Headquarters, Corporate Office, Milano, 2013

Breve Biografia di Maurizio Lai

Architetto, scenografo e designer Maurizio Lai nasce a Padova nel 1965 e studia presso la facoltà di architettura di Venezia e il Politecnico di Milano, dove si laurea. Collabora inizialmente con RAI e MEDIASET, per approdare in seguito ai grandi progetti del turismo con I VIAGGI DEL VENTAGLIO e CLUB MED. Fonda successivamente a Milano LAI STUDIO, determinandone l’impronta creativa e l’impatto emotivo delle realizzazioni, rivolte in particolare al settore commerciale e al residenziale di lusso. Nel 2005 vince il concorso internazionale per la progettazione del W MIAMI HOTEL per la Starwood Hotels & Resorts, dando inizio ad una strategia costante di relazioni sul piano internazionale che si arricchisce ad oggi di numerose collaborazioni in diversi Paesi, Sud Africa, Emirati Arabi e Oman, Svizzera e Russia. Tra i suoi clienti figurano marchi e aziende come: Rossini, Antonini, Avantoi, Club Med, Gruppo C.I.R., I.L.L.C.A., I Viaggi Del Ventaglio, K&Bp Group, Nets Corporation, Parosh, Selerant, So.Dia.Mo S.A., Longines, Montblanc, T-Look, Sa.Fo.Sa S.P.A., Giesse Fres.Co Group, Cmc Group Inc., Sweet Years, John Richmond, Gruppo Wu Taiyo, Con.Forme, Gruppo Danieli, Gruppo Luxottica, Drive Your Dreams, Italian Food Culture. All’attività di progettazione affianca quella di ricerca e di sviluppo culturale, collaborando con il Politecnico di Milano e con la Scuola Politecnica di Design.

Club Med, Flagship Agency, Milano, 2005
Club Med, Flagship Agency, Milano, 2005
Feminist Five: le cinque donne ribelli di Pechino che sfidano il regime cinese
Feminist Five: le cinque donne ribelli di Pechino che sfidano il regime cinese
Donne, single, senza figli: le Feminist Five sfidano il regime cinese con la loro libertà
Donne, single, senza figli: le Feminist Five sfidano il regime cinese con la loro libertà
301 di antoizzo86
Dormi, consuma, crepa: l’esistenzialismo di Maurizio Cattelan all’HangarBicocca
Dormi, consuma, crepa: l’esistenzialismo di Maurizio Cattelan all’HangarBicocca
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni