5 Aprile 2013
12:48

Five questions ai Gumdesign

Si occupano architettura, industrial design, grafica, art direction per aziende ed eventi. Laura e Gabriele sono una coppia nella vita e nel lavoro, aspettando il loro progetto più importante (che arriverà a maggio) li abbiamo intervistati.
A cura di Valentina Pepe
XXX Gumdesign-CMYK-20

ZERO. Scegli il file musicale di questa breve intervista

"La Cura" di Franco Battiato

ONE. Il tuo progetto che ha fatto storia

Il calice da degustazione Swing ha lasciato un segno importante nel nostro lavoro perchè ha introdotto l'aspetto emozionale ed "animistico" degli oggetti; da quel momento riflettiamo quotidianamente sull'importanza del contenuto relazionale tra oggetto ed uomo, ricerchiamo percorsi innovativi attraverso contenuti concettuali e piccole invenzioni formali. Nato nel 2007 ha iniziato da subito ad incontrare sia il mercato che i musei; un prodotto che "vende" e che entra nelle collezioni permanenti dei più importanti musei mondiali del design e dell'arte contemporanea è un prodotto che ha centrato il suo obiettivo: l'innovazione. Swing, caratterizzato dalla convessità del suo piede e che permette una immediata e spontanea decantazione del vino (ma anche un modo per entrare in contatto "fisico" con chi degusta il vino grazie al movimento rotatorio), ha generato successivamente un'intera collezione prodotta da Vilca: i Calici Caratteriali. I calici che la compongono si accostano agli aspetti caratteriali umani e ne definiscono funzione e forma; piccoli dettagli necessari per una miglior "vita del vino".

swingsq

TWO. Cosa vorresti firmare

Il nostro lavoro si caratterizza per un approccio al mondo del progetto trasversale, anche nei suoi campi di applicazione; dall'architettura agli interni, dagli allestimenti alla grafica, dal design industriale all'oggetto unico/limitato. Ogni momento ed ogni settore è interessante da affrontare, non abbiamo preferenze in tal senso ed amiamo le "sorprese"; ogni proposta può svelare confini inaspettati ed è l'aspetto più piacevole del nostro mestiere.

THREE. In un progetto collettivo due nomi oltre al tuo

Gumdesign è da sempre composto da Laura e Gabriele, titolari dello studio ma anche e soprattutto compagni nella vita sentimentale; il terzo nome è in arrivo ed è la nostra bambina che nascerà a fine maggio… crediamo che sarebbe splendido se il terzo nome coincidesse con Alice.

FOUR. Se e quanto il websharing ha cambiato il tuo lavoro

E' sicuramente una componente fondamentale del nostro lavoro; il creativo non può più limitarsi a progettare ma deve occuparsi della "comunicazione del prodotto" in un mondo sempre più condiviso. Si raggiungono contatti in altri tempi inimmaginabili, si valicano le "frontiere geografiche" con un clic e si conoscono persone e situazioni molto interessanti in tutto il mondo.

FIVE. Le cinque cose che non mancheranno nel tuo prossimo WE

Amore, sole, viaggio, Gabrielaura ed Alice.

I Gumdesign sono Laura Fiaschi (Carrara, 1977) – designer e grafica Gabriele Pardi (Viareggio, 1966) – architetto, si occupano di architettura, industrial design, grafica, art direction per aziende ed eventi. Tra i loro clienti: Biennale di Venezia, Bormioli Rocco, Castellani, Ceramiche Mazzotti, Codal, Costruttori di Dolcezze, De Castelli, De Vecchi, Design for Charity, Dim'Ora, Este Ceramiche, Extravega, Fabbri Fiore, Fedrigoni, Fiat, Fiera Bologna, Fiera Milano, Fiera Verona, Fiera Vicenza, F.lli Guzzini, Friul Mosaic, Giovannetti Collezioni, Il Casone, Invicta, Jannelli&Volpi, Lagostina, Lavazza, Lefel, Opos, Martinelli Luce, Max&Co, Mercedes-Benz, Mirage, Museo Pecci, Napapijri, Nastro Azzurro, Nerosicilia, Red Bull Italia, Sacerdote Marmi, San Pellegrino, Serafino Zani, Silik, Swarovski Italia, Telefono Azzurro, Terranova, Triennale di Milano, Up Group, Vhernier, Vilca, Vivarini, Zeroombra, Yoox. Ricevono numerosi premi tra cui il Primo Premio al concorso internazionale di creatività "Swiss in Cheese", il Primo Premio al concorso di architettura per Marinella di Selinunte, il Primo Premio al concorso nazionale "Manifesto per il Carnevale di Torre del Lago Puccini", il 2° Premio (2012) e quattro menzioni speciali al concorso internazionale "Young&Design", il Secondo Premio al concorso su invito "Dignity Design"; sono fra i designer selezionati per le mostre "Prime Cup" e "New Italian Design" curati dalla direttrice Silvana Annicchiarico per la Triennale di Milano e per l'esposizione "Theater of Italian Creativity" a New York curata da Vanni Pasca. Alessandro Mendini seleziona per il Design Museum della Triennale di Milano il calice da degustazione Swing; Dyade Ltd invita Gumdesign a rappresentare il design italiano per I.D.E.A. a Londra durante il London Festival Design e il Museo Magma accoglie nella permanente alcuni prodotti disegnati dallo studio; sono selezionati dalla Triennale di Milano per un'importante mostra al Museo Santral di Istanbul e Vittorio Sgarbi li sceglie per il Padiglione Italia (Biennale di Venezia) al Museo Pecci di Prato. Il MoMa di San Francisco seleziona Swing e Calici per un'importante mostra e per la permanente del museo. Dal 2008 seguono la direzione creativa di Cambiovaso per l'azienda Upgroup che ha coinvolto finora 30 designers internazionali ed è stato selezionato per l'Adi Design Index 2009 e per il Compasso d'Oro. Sono attivi nel settore universitario con lezioni aperte, workshop e collaborazioni con la Libera Università di Bolzano, il Cried di Milano, lo Ied di Firenze e Roma, l'Università di Pisa ed il Celsius di Lucca, la Facoltà di Architettura di Genova, la Facoltà di Ingegneria di Trento. Le più importanti riviste di settore e numerose pubblicazioni editoriali documentano il lavoro dello studio.

Feminist Five: le cinque donne ribelli di Pechino che sfidano il regime cinese
Feminist Five: le cinque donne ribelli di Pechino che sfidano il regime cinese
Donne, single, senza figli: le Feminist Five sfidano il regime cinese con la loro libertà
Donne, single, senza figli: le Feminist Five sfidano il regime cinese con la loro libertà
301 di antoizzo86
A Milano Olimpia Zagnoli disegna il Pride di Apple:
A Milano Olimpia Zagnoli disegna il Pride di Apple: "Così la città protegge la comunità LGBT"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni