Dopo Milano, Losanna e Nanjing, il Bosco Verticale arriva a Parigi dove verrà costruito nel Municipio di Villiers sur Marne, all’interno del quadrante est dell’area metropolitana della capitale francese. La Forêt Blanche, questo il nome del progetto di Stefano Boeri Architetti, promosso dalla Compagnie de Phalsbourg, che porterà il Bosco Verticale a Parigi. L'edificio ha vinto il concorso Marne Europe – Villiers sur Marne che trasformerà l'area ad est di Parigi con architetture del progetto Balcon su Paris firmate anche da altri architetti come Kengo Kuma & Associates (Sora, Le Palais des Congrès), Oxo Architectes (Le Potager De Villiers, Business Home), KOZ Architectes (2 edifici, Archipel), Michael Green Architecture (Peuplier Blanc, Prairie Blanche) e X-TU (La Ressourcerie, Green Jenga).

La Forêt Blanche di Stefano Boeri Architetti sarà una torre alta 54 metri, con facciate ricoperte da oltre 2000 alberi, piante e arbusti. Il progetto, con strutture interamente in legno, avrà una superficie verde equivalente a un ettaro di foreste. Le facciate ritmate con balconi e terrazze evocano inevitabilmente il Bosco Verticale di Milano che due anni fa è stato eletto miglior grattacielo del mondo. L'edificio parigino sarà caratterizzato da negozi ed uffici ai piani inferiore ed appartamenti ai piani superiori. La Forêt Blanche avrà un orientamento a est e a ovest sul lotto per consentire alle piante di avere sempre luce durante il giorno.

La Forêt Blanche è l'ultimo arrivato nella famiglia dei Boschi Verticali, che si possono trovare anche in Cina, Europa, America del Sud e Stati Uniti. Il progetto di Stefano Boeri Architetti supera il concetto di verde destinato solo alla decorazione e crea una "nuova generazione di architetture che inglobano la sfera vegetale come elemento essenziale". Presto anche la Francia avrà il suo Bosco Verticale e il progetto verrà realizzato in una zona di Parigi che vivrà una trasformazione urbana importante curata da alcune delle più importanti firme dell'architettura.