È la prima volta che IKEA partecipa al Fuorisalone con un intervento  nella suggestiva cornice dell’Università degli Studi di Milano nell'ambito dell'evento "INTERNI House in Motion". L'installazione si chiama “Alla scoperta dell’infinito” ed è stata realizzata dall’architetto Lorenzo Damiani per IKEA come una riflessione sulla casa in divenire e le sue infinite possibilità: "Infiniti punti di vista generano infinite possibilità: il divenire della casa IKEA è fluido e poliedrico."

Il tema dell'evento INTERNI 2018 è “Siamo fatti per cambiare”, e proprio lavorando su questo motivo che IKEA presenta la sua installazione “Alla scoperta dell’infinito” dal 16 al 28 aprile a Milano. L'intervento di Lorenzo Damiani per IKEA all’Università degli Studi di Milano riflette sulla famiglia in continua evoluzione e pone il colosso svedese ad emblema di tale evolversi. L'installazione è costituita da una piccola abitazione, che può essere anche trasportata grazie alle sue dimensioni ridotte, che all'interno offre infinite soluzioni di arredo. I mobili sono trasformabili e assecondano funzioni diverse grazie a componenti modulari disposti in modo da creare una e infinite composizioni.

La casa in divenire di IKEA ha una maniglia su tetto, per essere trasportata ovunque si vuole e assecondare le esigenze di tutti. L'installazione è realizzata in legno mentre l'interno è caratterizzato da tutte le superfici modulari dei mobili IKEA che si possono guardare, toccare e persino calpestare con arredi adagiati sul pavimento. All'esterno della casa sfilano su una passerella alcuni mobili IKEA montati che richiamano quelli smontati all'interno per simboleggiare il cambiamento ed il movimento. L’ingresso e l’uscita dalla casa sono segnati dalle torce a manovella “Ljusa”, simbolo del risparmio energetico in IKEA, che conducono alla scoperta dell'installazione sulle infinite potenzialità di utilizzo dei mobili del famoso colosso svedese che incarna il pensiero del cambiamento.