307 CONDIVISIONI
23 Aprile 2021
17:04

Pronti a ripartire dopo la pandemia: i 5 hotel più belli d’Italia da scoprire

Dalla Puglia alla Liguria, ovunque c’è un unico desiderio: tornare a spostarsi e viaggiare liberamente. L’Italia si prepara infatti ad una graduale riapertura di tutte le sue attività e tutti gli italiani sono accomunati da un unico desiderio: recuperare una pseudo normalità. E interi settori rimasti bloccati dalla pandemia si preparano a riaprire: ecco gli hotel più belli d’Italia dove concedersi, anche se breve, una vacanza indimenticabile.
A cura di Clara Salzano
307 CONDIVISIONI

L'Italia si prepara ad una graduale riapertura di tutte le sue attività e, dalla Liguria alla Puglia, tutti gli italiani sono accomunati da un unico desiderio: tornare al più presto ad una normalità pre-pandemia e riprendere a muoversi e viaggiare liberamente, senza vincoli né restrizioni. E mentre il desiderio di "vita" invade ogni parte del mondo colpita dall'ultima emergenza sanitaria, interi settori rimasti bloccati da più di un anno si preparano a riaprire. Ecco gli hotel più belli d'Italia dove concedersi, anche se breve, una vacanza indimenticabile.

Splendido Mare in Liguria

Splendido Mare, a Belmond Hotel, Portofino, ha riaperto ad Aprile 2021, completamente rinnovato con un progetto firmato dallo studio parigino Festen Architecture, che rilancia il fascino intramontabile di Portofino condensato in un’accogliente e raffinata locanda. Il nuovo iconico albergo si affaccia sulla pittoresca piazza di Portofino: “Amiamo particolarmente lavorare sulla trasformazione di spazi classici approfondendo il passato storico per concettualizzarne il futuro.", spiega Charlotte de Tonnac, CEO di Festen Architecture, "È stato di grande ispirazione conoscere le origini dello Splendido Mare, una locanda di pescatori e la scenografia naturale di Portofino. Il nostro intervento richiama lo stile di una residenza privata e vissuta dove arredi contemporanei e vintage convivono creando un’atmosfera di grande personalità. Nel progettare il design dell’hotel abbiamo sempre cercato di mantenere la massima coerenza con l’ambiente circostante, vogliamo far sentire l’ospite a suo agio ma anche fargli percepire la storia del luogo".

Tutto l'albergo, in uno dei luoghi più caratteristici della Liguria, è caratterizzato da dettagli e riferimenti alla storia marinara del porticciolo di Portofino, ognuna delle 14 camere e suites utilizzano legni di provenienza locale e verniciati a mano, gli stessi che sono utilizzati tradizionalmente nelle barche dei pescatori del porto. Il nodo nautico è l’emblema dell’hotel ed è referenziato in piccoli riferimenti delle stanze e stoviglie della struttura. Le 7.000 piastrelle di terracotta, create a mano da un artigiano ligure, utilizzate nella pavimentazione del ristorante, richiamano il movimento ondulatorio del mare dando l’illusione di camminare nell’acqua. Gli interni hanno inoltre forti richiami al genius loci, alla Liguria, come ai tradizionali colori delle case dei pescatori liguri (ambra, terracotta, verde mare) che, diventati un simbolo della regione, sono utilizzati per decorare gli archi e i soffitti. . Gli arredi, in stile anni ‘50, celebrano inoltre i tempi più mondani della storia di Portofino e nello stesso tempo rendono omaggio a un periodo importante del design italiano.

Toscana Resort Castelfalfi in Toscana

Nel cuore della Toscana più autentica – tra Firenze, Siena e Pisa da cui dista meno di un’ora e vicinissima ai borghi di Volterra, San Gimignano e San Miniato – la Tenuta di Castelfalfi è da sempre un paradiso. La sua collocazione protetta, esterna alle vie turistiche più battute, ha contribuito a preservare bellezza e
biodiversità del territorio. La Tenuta affonda le radici nella civiltà etrusca, ma Borgo e Castello di datazione longobarda subiscono poi vari passaggi di proprietà fino ad arrivare all’epoca rinascimentale con la trasformazione del Castello in dimora residenziale. Oggi, sotto il nome di Toscana Resort Castelfalfi, si svela una splendida proprietà di 1100 ettari di natura spettacolare, in parte compresa nell’Area Naturalistica Protetta del torrente Carfalo, tra vigne, oliveti, terreni agricoli, boschi, piccoli specchi d’acqua, un campo da Golf – il più grande della Toscana – un hotel, quattro ristoranti e un insieme di appartamenti e ville, ricavati dall’attenta ristrutturazione del borgo medievale e dei casali originali della Tenuta agricola.

Un Resort nato a partire dal gioiello del borgo medioevale sul punto più alto della collina che domina tutta la valle. Da qui è partito tutto il progetto di ristrutturazione che ha trasformato, nel pieno rispetto della loro autenticità, gli edifici originali in 48 moderni appartamenti gradualmente venduti a privati con l’obiettivo di ridare vivacità a questo antico insediamento urbano. L’Hotel di Toscana Resort Castelfalfi ha fulcro nel suo corpo principale, edificio dal design moderno che si arricchisce di ulteriori 31 camere dell’antica Tabaccaia, originariamente antico essiccatoio del tabacco per sigari toscani, ristrutturata con i criteri della bioedilizia, per un totale di 151 tra camere e suites. Ad oggi l’Hotel è quasi completamente plastic-free e la struttura è riscaldata da una centrale termica a biomasse legnose, consente il recupero completo degli scarti alimentari, gestisce con efficienza la raccolta differenziata dei rifiuti, utilizza apparecchi a Led per garantire un’illuminazione ottimale a basse emissioni. Il resort comprende anche una Spa, situata all’interno dell’hotel, che si sviluppa su una superficie di 1000 mq e dispone di piscina interna ed esterna riscaldate, vasche idromassaggio, area umida con sauna
finlandese e bagno turco, docce emozionali e area relax.

THE PLACE Firenze in Toscana

THE PLACE Firenze nasce dal rifacimento dello storico J.K. Place Firenze, diventando un'elegante “casa lontana da casa” che permetta loro di entrare intimamente nella vita e nelle pieghe di questa vibrante città toscana. “Ho sempre apprezzato la discrezione”, dichiara Carlo Babini, proprietario dell'hotel fondato nel 2003, “e sono grato per l'entusiasmo e la visione del team che ha lanciato un boutique hotel italiano così rivoluzionario. Ma è giunto il momento di intraprendere una nuova avventura, celebrare ciò che rende “THE PLACE Firenze” diverso e riconoscere il contributo del talentuoso Direttore Generale Claudio Meli nel forgiare un'identità unica nel mondo dell'ospitalità italiana ”. “THE PLACE Firenze” ha riaperto a Marzo 2021, leggermente rinnovato, giusto per rinfrescare il suo amato ambiente di calda e colta eleganza.
È stata creata così una Brand Identity tutta nuova, che si ispira all'architetto, pensatore ed umanista Leon Battista Alberti per sottolineare il legame ombelicale che lega “THE PLACE Firenze” con Piazza Santa Maria Novella, dove è collocato, Firenze e il Rinascimento.

Belmond Hotel Caruso in Campania

Belmond Ltd., parte del Gruppo leader mondiale nel segmento lusso LVMH Moët Hennessy Louis Vuitton, è da oltre 40 anni il marchio pioniere nel settore dei viaggi di lusso grazie a una collezione di esperienze uniche in alcune delle destinazioni più affascinanti e interessanti del mondo. . Tra queste spicca l'Hotel Caruso a Ravello, in Campania, un regno paradisiaco, da qualche parte tra il mare e il cielo. Situato sul bordo della scogliera, a circa 350 m sul livello del mare con terrazzamenti a più livelli di limoni e ulivi, è il il migliore balcone privato sul Mediterraneo. L'hotel è stato originariamente costruito nell'XI secolo da una famiglia benestante, naufragata durante il viaggio a Costantinopoli. Un tempo era chiamato Palazzo d'Afflitto, il Palazzo degli Afflitti. Oggi il Belmond Hotel Caruso rappresenta un'eccellenza del lusso e richiami alla migliore tradizione artigianale napoletana come pavimenti in cotto fatti a mano e pareti giallo napoletano adornate con oggetti d'antiquariato neoclassici. Fiori freschi e panorami mozzafiato sulla costa completano l'esperienza unica.

Borgo Egnazia in Puglia

A Savelletri di Fasano, in Puglia, là dove la Valle d’Itria inizia a scendere dolcemente verso l’Adriatico, si trova Borgo Egnazia: un luogo meraviglioso, liberamente ispirato nelle forme, nei materiali e nei colori a un tipico paese pugliese. Ogni giorno dell’anno, in tutte le stagioni, Borgo Egnazia propone un diverso concetto di ospitalità e benessere, basato su esperienze locali ed autentiche, immersi nell’incomparabile bellezza della campagna pugliese con due bellissime spiagge private (Cala Masciola e La Fonte). "In questo luogo unico al mondo, immerso tra ulivi millenari, ognuno è libero di cercare un rinnovato equilibrio in base ai propri desideri e le proprie esigenze e tutto è concepito per trascorrere il tempo prezioso al proprio ritmo, sincronizzandosi con quello del posto, circondati dal calore dei pugliesi.", spiegano i proprietari.

Nato nel 2010 da un progetto innovativo di Pino Brescia, creativo fasanese che ha saputo interpretare al meglio i desideri visionari della famiglia Melpignano, Borgo Egnazia è un omaggio all’architettura tradizionale pugliese, di cui riprende materiali (tufo e pietre locali lavorate dalle abili mani di esperti maestri), forme e colori. Dall'nno di apertura, Borgo Egnazia è parte di Leading Hotel of the World e ha ricevuto una serie di prestigiosi riconoscimenti tra cui i premi “Best Hotel of the Year” di Virtuoso nel 2016 e “Most Life Changing Experience” di Condè Nast UK nel 2017. A luglio 2019, in occasione della 24° edizione dei “World’s Best Awards” di Travel + Leisure, Borgo Egnazia è presente per il secondo anno di seguito nelle prestigiose classifiche “Top Italian Resort”, “Top 10 European Resort Hotels” ed è tra i Top 100 hotel di tutto il mondo. A ottobre 2019 Borgo Egnazia rientra nella “Top 30 Resorts in Europe” nella Condè Nast Traveler’s Readers' Choice Awards 2020 e a gennaio 2020 ottiene il riconoscimento di azienda Top Employer Italia 2020.

307 CONDIVISIONI
Gli hotel più belli guidati da donne
Gli hotel più belli guidati da donne
Case in Italia a 10.000 euro pronte per essere abitate: ecco dove comprare
Case in Italia a 10.000 euro pronte per essere abitate: ecco dove comprare
Da Israele speranze contro la pandemia: dopo il vaccino si infetta solo lo 0,014% degli immunizzati
Da Israele speranze contro la pandemia: dopo il vaccino si infetta solo lo 0,014% degli immunizzati
4.538 di Videonews
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni