"Casa Brutale è una traduzione geometrica del paesaggio. Si tratta di una dichiarazione di semplicità e armonia dell'architettura contemporanea. Si tratta di uno spazio di vita camaleontico, creato per servire il suo proprietario e rispettare l'ambiente", così gli architetti Laertis Antonios Ando Vassiliou e Pantelis Kampouropoulos dello studio OPA spiegano la loro ultima creazione: una casa incastonata in una scogliera sul Mar Egeo, in Grecia, da cui godere di panorami mozzafiato.

Casa Brutale è un omaggio alla semplicità e purezza dell'architettura brutalista. Chiaro riferimento a Casa Malaparte a Capri, ma invertito: non è la casa che si adatta al luogo valorizzandolo bensì è la scogliera che racchiude e protegge la casa. La sua forma sottile nella roccia consente una vista magnifica e un gioco di luci e ombre al centro della scena. Legno, vetro e cemento sono gli unici materiali utilizzati. Casa Brutale si integra completamente nel paesaggio che sembra inglobarla. Il tetto che diventa una piscina è una continuazione del Mar Egeo e del cielo greco in un continuo richiamo poetico al paesaggio. Tre lastre di calcestruzzo isolano l'abitazione dalla terra mentre il lato rivolto verso il mare sembra non esistere grazie ad un'enorme lastra trasparente che guarda all'esterno. La casa sfrutta le proprietà geotermiche del terreno e la capacità di raffreddamento assicurata dalla piscina sul tetto.

L'impatto ottico dell'edificio sul paesaggio è minimo, con una sola facciata che interrompe la scogliera e nessun volume esterno e sporgente dal suolo. Si accede alla casa attraverso 50 scalini che scendono verso l'Egeo, sotto l'ombra di sceniche travi di cemento (che consentono anche un ingresso accessibile tramite ascensore), e superata una porta girevole di legno invecchiato si apre davanti agli occhi una vista mozzafiato sul mare, attraverso la facciata di vetro. All'interno lo spazio è puro e semplice con un grande tavolo da pranzo di calcestruzzo e panchine in cemento, rivestite di legno accogliente. Due camere da letto, cucina e servizi caratterizzano lo spazio in cui una scala interna costituita da una sottile struttura di acciaio permette la continuità ottica dalla cucina alla facciata di vetro. La scala conduce al piano ammezzato, dove la camera da letto matrimoniale, con un letto incastonato nel cemento e rivestito di legno, gode della stessa vista sul Mar Egeo e un gioco di specchi esalta il rapporto luci e ombre della stanza. "Casa Brutale ridefinisce la coesistenza armoniosa di uomo e natura in un omaggio poetico al Brutalismo puro".