C'è qualcosa di magico nei ponti. Spesso sono incredibili opere di ingegneria e di design, ma talvolta riconosciamo nei ponti una forte carica di simbolismo: ci fanno pensare alla transizione, al collegamento, alle leggende, ai viaggi. Sono pensati per connettere le persone e i luoghi che altrimenti avrebbero dovuto esistere separatamente. Attraversare un ponte è quindi un'esperienza singolare, di passaggio. Si potrebbe essere sospesi su un fiume, appesi in una valle, o sul pizzo di una montagna, attraversare un ponte è una delle esperienze maggiormente cariche di significato ed emozione. Alcuni di loro sono piccoli, alcuni sono enormi. Alcuni sono pinnacoli di ingegneria e tecnologia all'avanguardia. Alcuni sono antichi, ma hanno resistito alla prova del tempo. Alcuni sono ingannevolmente semplici, altri incredibilmente intricato. Ma sono tutti carichi di magia.

Nel villaggio tedesco di Gablenz, nella zona più orientale della Sassonia, nella regione storica conosciuta come Lusazia, a meno di 10 km dal confine con la Polonia, si trova un parco, il Kromlauer Park, il più grande parco di rododendri e azalee in Germania, famoso però per una singolare costruzione chiamata Rakotzbrücke, o Ponte del Diavolo. Il Rakotzbrücke attraversa con il suo arco perfetto il lago sottostante ma, aldilà della sua splendida posizione nella natura, è noto soprattutto per il gioco del riflesso del suo arco sull'acqua del lago, che forma un cerchio perfetto da qualunque punto lo si osservi.

Il Ponte del Diavolo è un termine attribuito a quei ponti ancora robusti nonostante il loro aspetto perché la loro costruzione sembrava così impossibile che solo il diavolo avrebbe potuto realizzarla. Costruito nel 1860, il Rakotzbrücke si presenta come una struttura imponente, le cui colonne ottagonali in basalto sostengono un arco assolutamente perfetto. Pare sia per questa caratteristica di perfezione che si sia meritato, secondo la leggenda, il nome di ‘Ponte del Diavolo' con cui è conosciuto ancora oggi. Secondo le credenze popolari, infatti, nessuna mano umana avrebbe mai potuto costruirlo. Ma questo è solo un esempio della magia e del mistero che l'uomo riesce a creare, ecco dunque una selezione dei ponti più suggestivi al mondo.