Il piccolo camion Kei è famoso in Giappone perché è il tipo di veicolo usato per trasportare materiali da e verso i cantieri. Ogni anno il piccolo camion Kei diventa però protagonista di un evento che richiama artisti da ogni parte del paese per trasformare il veicolo in miniatura in un giardino mobile. Il Kei Truck Garden Contest è un evento annuale molto atteso in Giappone, organizzato da la Japan Federation of Landscape Contractors che richiama tutti gli amanti e gli artisti del giardinaggio.

Il camioncino Kei è un'icona di design e di stile molto apprezzata grazie alle sue dimensioni pratiche e la sua manovrabilità, che ne ha fatto un oggetto cult soprattutto per il mondo delle costruzioni e nelle industrie agricole in Giappone. Il veicolo è stato recentemente ripensato come base per incantevoli giardini pop-up. Basta davvero poco per trasformare il piccolo camion in un giardino mobile. Durante il Kei Truck Garden Contest vari artisti si sfidano per creare trasformare il camioncino Kei nel giardino giapponese più bello. Anno dopo anno, la fama del concorso evidenziano la bellezza distintiva del giardino giapponese. Mentre la maggior parte dei partecipanti si attiene agli elementi di design tradizionali, alcuni giardini sono moderni e minimalisti.

Percorsi di ghiaia, porte scorrevoli, impianti d'acqua tranquilli, sono solo alcuni degli elementi che è possibile trovare nei giardini mobili creati sui camioncini Kei durante il Kei Truck Garden Contest. I giardini sono simili ai tipici giardini giapponesi ma ci sono anche alcune versioni più moderne e minimaliste. Le creazioni degli artisti che partecipano al contest dimostrano che qualsiasi superficie piatta può diventare un'aiuola con un un po' di pazienza e fantasia. Gli artisti che partecipano al contest provengono da ogni parte del paese e hanno solo poche ore per realizzare l'opera. I giardinieri, eccetto l'uso del camioncino Kei, possono inglobare ogni tipo di materiale, dalle panchine e acquari agli elementi di illuminazione nei loro progetti. i giudici scelgono l'opera migliore in base a pianificazione, espressione, design, esecuzione e ambiente.