Dalle bucce di cipolla ai semi di kiwi o anche pezzetti di cioccolato, sembra che ogni tela sia perfetta per l'artista turco Hasan Kale purché soddisfi il requisito di essere incredibilmente piccola. Hasan si diletta nella sfida di rappresentare paesaggi della sua natia Istanbul attraverso infinitesimali pennellate sulla superficie degli alimenti, una prodezza che richiede l'uso di una lente di ingrandimento per apprezzare i dettagli di ogni incredibile pezzo.

Kale continua a sfidare se stesso per andare oltre i suoi limiti e artisticamente conquistare tutte le superfici più piccole. L'artista turco dipinge anche su oggetti inorganici, come ali di farfalla e gusci di lumaca, ma le tele di cibo sono più impressionanti a causa della loro natura impermanente. E poi c'è la scala da considerare. La maggior parte di questi sono talmente piccole che non possono essere visti chiaramente senza ingrandimento. Secondo il suo Facebook, Kale si è posto l'obiettivo di dipingere una silhouette di Istanbul su una ciocca di capelli: se c'è qualcuno che può essere in grado di farlo, probabilmente è lui.

"Questi sono oggetti della vita quotidiana che la gente quasi mai pensa abbiano importanza, non prestiamo molta attenzione a loro", spiega Kale, la cui arte è influenzata dalla tecnica a pennello di Mohammed of the Black Pen e dall’armonia dei colori di Levni. "Attraverso la mia arte, voglio sottolineare quanto cose possano essere belle anche se poco rilevanti nella quotidianità. Ho deliberatamente scelto di oggetti difficili, a prescindere da quanto piccoli essi siano o quanto bene assorbono la vernice non è importante. Ciò che è importante è che essi prendano vita e portino gioia alle persone ".

Hasan Kale non è l'unico artista delle miniature: stupiscono molto le recenti sculture minuscole di Nikolai Aldunin , mentre Jason D'Aquino affascina tutti con i suoi schizzi matchbook , un altro contendente al piccolo trono è Joseph Martinez che dipinge scene ad alta intensità di lavoro sulla parte inferiore delle scatole di fiammiferi; infine l'artista americano Yuri Zupancic che trasforma i microchip in bellissimi piccoli pezzi di opere d'arte. Da animali a scene di natura o di esseri umani, l'artista nativo del Kansas crea dipinti dettagliati tutti su una scala in minatura di un solo centimetro quadro. Gli artisti recenti sembrano dunque essersi "ridimensionati".