724 CONDIVISIONI
17 Luglio 2020
11:42

I peluche di IKEA diventano simboli della lotta all’inquinamento di plastica negli oceani

La plastica ammonta all’80% di tutta la spazzatura scaricata negli oceani del mondo e ha un impatto terribile sulla vita degli oceani. Cinque studenti della scuola di pubblicità MADS di Mosca hanno creato falsi giocattoli IKEA per sensibilizzare le persone sull’inquinamento della plastica negli oceani.
A cura di Clara Salzano
724 CONDIVISIONI

Cinque studenti della scuola di pubblicità MADS di Mosca hanno creato falsi giocattoli IKEA per sensibilizzare sull'inquinamento da plastica. Si conta infatti che l'80% della spazzatura negli oceani sia fatta di plastica che ha un impatto terribile sulla vita degli oceani. La campagna di sensibilizzazione degli studenti di MADS è soprannominata Chirurgia Plastica ed è un esercizio di studio. Tuttavia il lavoro dei ragazzi è stato così efficace che ha fatto il giro del mondo. La campagna mira non solo a convinvere le persone a consumare meno plastica ma anche ad incoraggiare il colosso svedese di mobili IKEA a ridurre al minimo il suo uso di plastica.

I finti giocattoli replicano i peluche attualmente venduti da IKEA ma a differenza degli originali hanno degli elementi che li costringono, li soffocano. Questi peluche assomigliano a pesci intrappolati dalla plastica nel mare. Il messaggio non poteva essere più esplicito di così. I finti giocattoli portano dunque un importante messaggio visivo e rappresentano gli animali marini che soffrono a causa dell'inquinamento da plastica. Tra i  giocattoli c'è una tartaruga di mare impigliata nel packaging delle lattine di soda da sei. Un delfino è imbavagliato da un nastro di plastica mentre una foca presenta un sigillo avvolto in quella che sembra essere una rete di plastica.

Secondo l'organizzazione per la conservazione marina Surfers Against Sewage (SAS), la plastica rappresenta dal 60 al 90 percento di tutti i detriti marini. Nel 1950, 2,5 miliardi di persone hanno prodotto circa 1,5 milioni di tonnellate di plastica. Nel 2016, la popolazione globale, che era più di sette miliardi di persone, ha prodotto oltre 320 milioni di tonnellate di plastica. SAS prevede che questa cifra raddoppierà entro il 2034. “L'inquinamento da plastica ha avuto un impatto così grande sulla fauna e sulla fauna marina in generale nel nostro ambiente. Ciò che vediamo spesso attraverso i media sono le tragiche storie di creature marine davvero enigmatiche che vengono uccise dall'inquinamento da plastica. Che si tratti di mangiarlo o di rimanere impigliato in esso e di essere indebolito e affogato o compromesso verso la morte " , ha detto a LIVEKINDLY Hugo Tagholm, amministratore delegato di SAS, “Penso che tutti possiamo pensare alla nostra impronta etica e ambientale. E prova a fare di più per le persone e il pianeta. Potresti diventare vegano o vegetariano. [Oppure] potresti adottare una dieta più flessibile. Potresti fare più scelte su ciò che stai acquistando. [Acquista] meno oggetti di plastica, usa la tua tazza riutilizzabile, il tuo spazzolino da denti di bambù, qualunque esso sia. Stai cercando di comporre una vita che abbia meno danni ad essa.".

724 CONDIVISIONI
I rifiuti di plastica degli oceani diventano bottiglie ecologiche
I rifiuti di plastica degli oceani diventano bottiglie ecologiche
MUSSELBLOMMA, la collezione di IKEA in plastica oceanica
MUSSELBLOMMA, la collezione di IKEA in plastica oceanica
Il catamarano che aspira la plastica dagli oceani
Il catamarano che aspira la plastica dagli oceani
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni