Più di 600 persone provano a scalare l'Everest ogni anno, con ogni scalatore, in media, vengono prodotti 8 kg di spazzatura, che include oggetti come bottiglie di ossigeno, tende, corde, scale, lattine e involucri di plastica. Più scalatori arrivano sulla montagna, più immondizia si accumula, tanto che da tempo il Monte Everest è conosciuto come la ‘discarica di rifiuti più alta del mondo'. Per sensibilizzare sul problema ed evitare che i visitatori inquinino questa meraviglia della natura, i rifiuti del Monte Everest saranno trasformati in opere d'arte esposte al Sagarmatha Next Center in Nepal, che si trova a 3.780 metri sul livello del mare, lungo il percorso che porta al campo base dell'Everest.

I rifiuti raccolti dal Monte Everest saranno trasformati in opere d'arte ed esposti in una galleria d'arte vicina, per sottolineare la necessità di salvare la montagna più alta del mondo dal trasformarsi in una discarica. Bombole di ossigeno usate, tende strappate, corde, scale rotte, lattine e involucri di plastica scartati da alpinisti e escursionisti sono solo alcuni dei rifiuti che si trovano sulla vetta alta 8.848 metri e le aree circostanti. Il Sagarmatha Next Center , centro informazioni per i visitatori e impianto di riciclaggio dei rifiuti, ha coinvolto artisti stranieri e locali nella creazione di opere d'arte da materiali di scarto in modo da trasformare la spazzatura dell'Everest in un museo: "Vogliamo mostrare come è possibile trasformare i rifiuti solidi in preziose opere d'arte … e generare occupazione e reddito", ha affermato Tommy Gustafsson, direttore del progetto e co-fondatore di Sagarmatha Next Center , "Speriamo di cambiare la percezione delle persone sulla spazzatura e di gestirla".

Il museo sorgerà ad un'altitudine di 3.780 metri a Syangboche sul sentiero principale per il campo base dell'Everest, a due giorni di cammino da Lukla, la porta d'accesso alla montagna. Aprirà in primavera con ingressi limitati a causa delle restrizioni pandemiche. Nel museo saranno esposti prodotti e opere d'arte realizzate con i rifiuti dell'Everest che potranno essere anche venduti come souvenir in modo che i proventi saranno destinati alla conservazione della zona. I rifiuti usati provengono dalla montagna o sono stati raccolti dalle famiglie e dalle case da tè lungo il sentiero e sono gestiti da un gruppo ambientalista locale, il Comitato per il controllo dell'inquinamento di Sagarmatha. Oggi i rifiuti, a causa della mancanza di strade, vengono scaricati o bruciati in fosse aperte, provocando inquinamento dell'aria e dell'acqua e contaminazione del suolo. Ora i rifiuti raccolti dal Monte Everest saranno trasformati in arte e si spera di sensibilizzare l'opinione pubblica affinché il Monte Everest non diventi più una discarica.