DBX Bunker © ABIBOO Studio
in foto: DBX Bunker © ABIBOO Studio

DBX è un bunker sotterraneo creato come rifugio per eventi catastrofici e garantire la sopravvivenza dei suoi abitanti per almeno un anno. ABIBOO Studio ha il bunker integrando soluzioni dell'architettura spaziale. Il progetto si avvale infatti dell'esperienza dell'azienda nella costruzione di ambienti estremi recentemente messa in pratica nella città marziana di Nüwa.

Il bunker

ABIBOO Studio ha riscosso enorme clamore di recente per aver creato una città su Marte, insieme a SONet, un gruppo di rinomati scienziati globali. Basandosi sulla sua esperienza nella costruzione per ambienti estremi, ABIBOO ha progettato un rifugio di emergenza per garantire la sopravvivenza in condizioni avverse durante lunghi periodi. Il bunker si intitola DBX e combina l'esperienza del fondatore di ABIBOO Studio, il pluripremiato architetto spagnolo Alfredo Muñoz, membro dell'AIAA (American Institute of Aeronautics and Astronautics) e membro internazionale dell'AIA (American Institute of Architects), nell'architettura spaziale con un decennio di costruzione di case unifamiliari ultra lussuose per celebrità e persone con un patrimonio elevato. DBX funziona come un rifugio di sopravvivenza in caso di apocalisse, ma è anche progettato come una seconda casa di lusso completamente autosufficiente sia per brevi soggiorni che per periodi continui e prolungati fino ad un anno.  Il primo prototipo del bunker sarà costruito nella Carolina del Sud, negli USA.

Il design

DBX può ospitare fino a un massimo di dieci persone. Si sviluppa su una superficie di 185 metri quadrati e vi si accede attraverso una porta, simile ad un ponte levatoio militare, mimetizzata in una verde collina. "Soluzioni in acciaio semiprefabbricate, giunti sismici e materiali assorbenti sono i componenti principali della struttura costruttiva. Questa composizione mitiga le conseguenze di potenziali calamità climatiche, chimiche, biologiche o persino nucleari.", spiegano gli architetti di ABIBOO Studio, "Nonostante la sua robustezza e costruzione robusta, il rifugio trasmette calore, comfort, relax e lusso, grazie al design degli interni e alla distribuzione degli spazi. DBX è concepito in spazi modulari che circondano un giardino idroponico, che funge da serra sotterranea. Questo spazio risolve una delle principali sfide del progetto, ovvero la produzione alimentare".

Tutte le attività del rifugio di lusso si svolgono intorno al giardino della serra e comprendono aree ricreative e stanze private. Tutte le camere, arredate con ogni comfort, dispongono di bagno privato con mobili su misura, finiture in marmo e docce con saune incorporate. C'è persino una palestra con macchine per l'allenamento per lavorare tutta la muscolatura del corpo e nella stanza attigua una piccola piscina di 12 x 32 piedi. Inoltre, i servizi di questo bunker includono una cucina, un bar annesso alla sala cinema, una lavanderia, un ufficio e una piccola sala operatoria con forniture di medicinali e attrezzature se sono necessari piccoli interventi chirurgici. C'è un'autorimessa, posta prima dell'accesso effettivo al bunker, che può ospitare fino a due veicoli di grandi dimensioni e due più piccoli.

DBX Bunker © ABIBOO Studio
in foto: DBX Bunker © ABIBOO Studio

Il fabbisogno

Una superficie totale di 110 metri quadrati è dedicata alle colture, con un sistema di serra simile alla soluzione sviluppata da ABIBOO a Nüwa per vivere su Marte. Il giardino idroponico garantisce infatti il fabbisogno necessario alla vita nel bunker per un anno. "Il rifugio DBX ha anche il supporto energetico attraverso geotermia e accumulatori di biomassa. Il generatore carica 30 batterie al litio e fornisce elettricità da 12 a 120 volt in tutto il bunker. Il sistema di riscaldamento e raffreddamento dell'aria sono risolti dall'energia geotermica.", racconta ABIBOO Studio, "L'acqua viene estratta dal sottosuolo e passa attraverso un sistema di filtrazione e luce ultravioletta che uccide i batteri. L'acqua destinata al consumo viene conservata congelata. Un ulteriore sistema di decontaminazione per la purificazione dell'aria è situato presso la cabina ermetica all'ingresso del bunker. Questa stanza impedisce l'ingresso di sostanze inquinanti nello spazio domestico principale. Una doccia ad aria e una doccia umida con sterilizzatori fungono da barriera sanitaria. Questa soluzione tecnica è simile a quella utilizzata nei centri di ricerca virologica e riduce al minimo il rischio di contaminazione all'interno dell'abitazione, sia a causa di una pandemia che di un pericolo chimico".

DBX Bunker © ABIBOO Studio
in foto: DBX Bunker © ABIBOO Studio