Se non ascolti il ​​mondo con il cuore e la testa aperti, se non presti attenzione a ciò che accade intorno a te, a che odore dell'aria, a cosa dice la gente, il mondo inizia a dettare le sue regole, le regole crudeli", afferma Serhii Makhno, l'architetto del progetto Bunker che propone con la sua casa un viaggio nella profondità del Pianeta, a 15 metri sotto terra. Bunker è un'abitazione sotterranea autonoma che ha diversi strati: uno spazio abitativo, un pavimento con un sistema di trattamento delle acque e un generatore, uno strato per l'impianto elettrico, e in fondo un pozzo con giardini e cielo, sicuro e insonorizzato.

Piano B è un bunker pensato per far fronte alle emergenze, come la pandemia globale che si è abbattuta sul mondo intero. La particolare abitazione rende possibile la vita sottoterra con tutti i comfort e i servizi di una casa a livello. Il bunker può essere posizionato ovunque nel modo a quindici meri di profondità o anche di più. La struttura dall'esterno è nascosta da un ingresso monumentale che sembra un'opera d'arte. L'accesso avviene attraverso un elemento di pietra che sembra condurre all'interno di un museo o di una galleria d'arte. Gli ingressi al bunker sono tre e la struttura si sviluppa su più livelli: da un lato c'è lo spazio abitativo,lo spazio per l'impianto elettrico, e in fondo uno spazio con giardino sicuro e insonorizzato.

Gli abitanti del bunker possono sentirsi completamente sicuri grazie a tre uscite di sicurezza e un ‘anello' di evacuazione resistente al fuoco che permette di mettersi al sicuro in caso di qualsiasi calamità esterna. La casa è dotata di tutti i sistemi di approvvigionamento idrico, fognario, sistema di ventilazione chiuso con recupero, aspirazione e purificazione dell'aria, in modo da essere autosufficiente. Inoltre, il bunker è dotato di un locale separato per le cure mediche, e di uno spazio dove poter praticare l'agricoltura idroponica e avere prodotti sempre freschi a tavola come in superficie.