1 Dicembre 2020
15:52

Il centro di Barcellona diventerà un’area verde e pedonale

Nuove strade verdi, piazze di quartiere ed ettari di vegetazione nel centro di Barcellona, è questo il nuovo programma del comune catalano per migliorare la qualità della vita dei cittadini aumentando il verde in città. Barcellona intende creare più di 1 m² extra di verde per abitante entro il 2030 che vuol dire 160 ettari di nuovi spazi verdi in pieno centro città.
A cura di Clara Salzano

Barcellona sarà il nuovo polmone verde d'Europa? Un progetto ambizioso a cui il Comune della città spagnola proverà ad avvicinarsi con il suo Programma per la promozione delle infrastrutture verdi urbane. Barcellona intende infatti creare 1 m² extra di verde per abitante entro il 2030 come misura governativa che mira a migliorare la qualità della vita dei cittadini aumentando il verde in città. La rivoluzione green di Barcellona vedrà dunque la realizzazione di 160 ettari di nuovi spazi verdi.

Come tutte le grandi metropoli, la struttura urbana di Barcellona è densa e stratificata, cosa che rende difficile la creazione di nuovi parchi urbani. "Tuttavia, ci sono numerose opzioni per aumentare il verde in città che vanno oltre i nuovi spazi verdi. Ne sono un esempio il miglioramento del verde attuale della città e l'estensione a spazi finora mai considerati a tal fine, così come i superblocchi e le iniziative nella sfera cittadina che aiutano a rendere più verde la città, come tetti e muri verdi e persino balconi verdi.", dichiara l'Ajuntament de Barcelona, "L'obiettivo finale è un cambio di modello non solo per la gestione della natura urbana ma anche per la città stessa. L'obiettivo è che il verde svolga un ruolo più significativo e abbia un posto centrale in altre politiche urbane che il verde può influenzare, come la pianificazione urbana, la mobilità, la salute pubblica, la sostenibilità, i diritti sociali e la cultura. L'attenzione è quindi sull'incremento della superficie a verde, soprattutto nei quartieri meno attrezzati, per garantire un'equa distribuzione dei servizi e dei benefici che il verde e la biodiversità apportano. Benefici come il miglioramento del benessere fisico e mentale, gli spazi ricreativi e ricreativi che offre e l'interazione con la natura. Ci sono anche benefici ambientali, come mitigare gli effetti del cambiamento climatico, ridurre l'inquinamento atmosferico e acustico e, soprattutto, creare attività economica".

Il Programma per la promozione delle infrastrutture verdi urbane di Barcellona prevede la creazione di 21 nuove strade verdi e 21 nuove piazze di quartiere, con ulteriori 33,4 ettari di spazio per le persone e 6,6 ettari di verde urbano. La trasformazione inizierà da L'Eixample, dove una strada su tre sarà resa più verde e tutti i cittadini potranno godere di una piazza a meno di 200 metri dalle loro case. Barcellona è caratterizzata da una fitta griglia urbana ideata dall'ingegnere Ildefonso nel 1860 e che prevede un impianto a scacchiera aperta e egualitaria. Questo sistema urbanistico vincente sarà aggiornato, senza essere stravolto, offrendo ai residenti uno spazio locale più sano, più sicuro, più umano e più sostenibile, e proiettando Barcellona verso il futuro in modo che la città possa adattarsi in modo più potente ai possibili effetti del cambiamento climatico. Il programma sarà reso possibile attraverso due concorsi di idee pubbliche, uno per le strade e l'altro per le piazze, in un processo che getterà le basi per la trasformazione dell'intera città. I lavori partiranno nel 2022 e costeranno 36 milioni di euro.

Il ponte pedonale sospeso più lungo del mondo è da vertigini
Il ponte pedonale sospeso più lungo del mondo è da vertigini
The Orbit, la città verde del futuro
The Orbit, la città verde del futuro
La mini casa per dormire sotto le stelle nell’area protetta più grande del Piemonte
La mini casa per dormire sotto le stelle nell’area protetta più grande del Piemonte
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni