313 CONDIVISIONI

Il drone subacqueo che protegge e ripristina le barriere coralline

Le barriere coralline sono responsabili di circa il 25% di tutta la fauna marina e a causa dello sfruttamento umano il 90% delle barriere coralline potrebbe svanire entro il 2050. Così un gruppo di giovani studenti ha ideato un drone subacqueo in grado di proteggere le barriere coralline e ripristinare gli ecosistemi marini.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Clara Salzano
313 CONDIVISIONI
Immagine

Le barriere coralline stanno morendo a un ritmo allarmante. Si conta che a causa dello sfruttamento umano questi ecosistemi spariranno entro il 2050 e nonostante ricoprano solo lo 0,1% del fondo oceanico, ricoprono un ruolo fondamentale per la vita nei mari e sono responsabili di circa il 25% della fauna marina. Così i designer Mario Kapsalis e Elias Thaddaeus Pfuner, due giovani studenti, hanno inventato "NEMO – Coral Restoration System" un sistema in grado di proteggere le barriere coralline e ripristinare gli ecosistemi marini.

Immagine

"Come può essere progettato il viaggio verso un processo di ripristino del corallo più sostenibile, efficiente e semplice?", è questa la domanda che si è posta la coppia di giovani designer, Mario Kapsalis e Elias Thaddaeus Pfuner, "Ricostruire e sostenere ecosistemi sani, come le barriere coralline, è una delle parti più cruciali del recupero dalla distruzione dovuta all'impatto che gli esseri umani hanno avuto sul pianeta e contribuiranno a raggiungere l'obiettivo di un futuro sostenibile. Attualmente, le agenzie di ripristino dei coralli stanno lavorando duramente per ripristinare le barriere coralline e rendere i coralli più resistenti ai fattori di influenza negativa come il riscaldamento degli oceani e l'acidificazione. Purtroppo, durante la nostra ricerca, abbiamo appreso che le agenzie e le organizzazioni per il ripristino dei coralli spesso mancano delle attrezzature e delle risorse adeguate per farlo su larga scala ed in modo efficiente. " Così è nato NEMO, un sistema in 4 fasi che aiuta i comuni a ripristinare le barriere coralline in modo efficiente, sostenibile, con capacità su larga scala.

Immagine

NEMO consiste in una piattaforma digitale che aiuta gli scienziati a ricercare e monitorare le barriere coralline in modo più accurato ed efficiente. Poi il sistema prevede una scatola di trasporto specializzata che supporta i coralli durante il loro trasferimento, dal sito del vivaio al sito di implementazione negli oceani, e un drone collaborativo che aiuta il monitoraggio tramite scansione 3D e la mappatura delle barriere coralline e rende possibile il trasporto e il trapianto di 100 coralli nel sito prescelto. In questo si proteggono le barriere coralline e si permette di evitarne l'estinzione a causa del cambiamento climatico indotto dall'uomo, al conseguente riscaldamento degli oceani e ad altri fattori correlati all'uomo, come la pesca eccessiva e l'inquinamento. Nemo non solo aiuta gli ecosistemi marini ma è anche sostenibile in ogni sua parte che viene prodotta con plastica riciclata. Il sistema inventato da Mario Kapsalis eElias Thaddaeus Pfuner è stato premiato con il Red Dot Award per il Design Concept 2020.

313 CONDIVISIONI
Quanto costa dormire nell’hotel subacqueo con vista sulla Grande Barriera Corallina
Quanto costa dormire nell’hotel subacqueo con vista sulla Grande Barriera Corallina
Cosa ci fa un campo da tennis galleggiante sulla Grande Barriera Corallina australiana
Cosa ci fa un campo da tennis galleggiante sulla Grande Barriera Corallina australiana
MOUA, il museo d'arte subacquea apre sulla Grande Barriera Corallina
MOUA, il museo d'arte subacquea apre sulla Grande Barriera Corallina
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni