Le buste del latte col gatto blu sicuramente non stanno passando inosservate sugli scaffali dei supermercati della Russia grazie all'originale packaging della designer Vera Zvereva. L'artista russa, direttore artistico dell'agenzia di branding Depot, è stata assunta dal marchio Milgrad dello stabilimento lattiero-caseario di Bryansk per creare delle confezioni che richiamassero l'attenzione dei clienti. Zvereva ha trasformato delle comuni buste di latte in originali, minimaliste e divertenti opere di packaging in cui un adorabile gatto blu fa capolino in varie posizioni a seconda di come le confezioni sono sistemate: "Il gatto blu viaggia attraverso il pacco: guarda il consumatore con interesse, gioca con una corda, guarda fuori o si blocca in attesa. L'illustrazione si sposta da un lato all'altro della confezione, creando ulteriori opzioni di visualizzazione sullo scaffale".

Il gatto delle confezioni Milgrad è ispirato a Brunhilde, la gatta di Vera Zvereva, art director di Depot e autrice del concept. Tuttavia ogni proprietario di gatti sicuramente guardando le geniali confezioni avrà ritrovato le abitudini del proprio animale domestico nelle illustrazioni. È così che nasce un packaging in grado di restare impresso, scegliendo un elemento che tutti riconoscono ma innovandolo. È quello che ha fatto l'agenzia di branding Depot che aveva il compito di riprogettare la confezione di quattro prodotti lattiero-caseari della linea Bryansk Dairy Plant della Milgrad: "Il mercato lattiero-caseario occupa oltre il 22% della struttura dei prodotti alimentari FMCG. Questo è il più grande mercato per i prodotti confezionati. Di conseguenza, la concorrenza del prodotto è molto alta. Per distinguersi sullo scaffale del caseificio, aumentare le vendite, espandere la geografia dei canali di rappresentanza e distribuzione, un marchio deve essere diverso e attirare l'attenzione a prima vista. Per risolvere tali problemi, il team del marchio Milgrad dello stabilimento lattiero-caseario di Bryansk è venuto da noi per rinominare la confezione.", racconta l'artista russa Vera Zvereva, "Abbiamo iniziato il nostro lavoro da tre confezioni principali: latte, latte cotto fermentato e kefir. Abbiamo cercato di dividere i prodotti utilizzando la codifica a colori caratteristica delle categorie: verde per il kefir, marrone chiaro per il latte cotto fermentato e bianco per il latte. Da diverse combinazioni, insieme al cliente, siamo giunti a una soluzione più minimalista e abbiamo deciso di lasciare il colore principale della confezione bianco, e le illustrazioni in un unico colore blu, questo ha mantenuto il legame con i colori del marchio, noto ai consumatori da molti anni. Ryazhenka, kefir e latte differiscono l'uno dall'altro per il colore del carattere. Tutti i testi di differenziazione sulle confezioni sono nella categoria di colore corrispondente…Il design che abbiamo creato consente al marchio di apparire olistico anche nello spazio digitale.".