Vista della mostra Petrit Halilaj. Ad un corvo e agli uragani che da luoghi sconosciuti riportano odori di umani innamorati , Palacio de Cristal, 2020
in foto: Vista della mostra Petrit Halilaj. Ad un corvo e agli uragani che da luoghi sconosciuti riportano odori di umani innamorati , Palacio de Cristal, 2020

Il Museo Reina Sofía riapre dopo la chiusura in risposta alla pandemia di COVID-19 e lo fa con la prima mostra personale dell'artista Petrit Halilaj in Spagna che per l'occasione ha trasformato il Palacio de Cristal di Madrid in un giardino di fiori giganti. Intitolata "A un corvo e agli uragani che riportano odori di umani innamorati da luoghi sconosciuti", la mostra comprende una serie di installazioni ricavate dal materiale artistico dalla esperienza biografica di Petrit Halilaj per creare nel Palacio de Cristal "il pezzo della vita".

Petere Halilaj è stato ispirato allo straordinario rituale di corteggiamento degli uccelli, che formano strutture elaborate e le decorano con oggetti colorati per attirare un compagno. Gli uccelli inoltre nella sua pratica simboleggiano la trasgressione dei limiti stabiliti dal pensiero moderno tra soggetto e oggetto, cultura e natura. Halilaj aprendo finestre, installando strutture e allestendo aree di alimentazione spera appunto di attirare gli uccelli all'interno del Palacio. L'artista, originario del Kosovo, ha inserito grandi fiori per decorare il nido, realizzati con una delicata struttura in acciaio e tele dipinte, create in collaborazione con il suo compagno di vita Álvaro Urbano. I fiori in mostra sono la forsizia, semi di palma, fiori di ciliegio, papavero, garofano e giglio, che ripercorrono la storia personale che li unisce. "A un corvo e agli uragani che riportano odori di umani innamorati da luoghi sconosciuti" porta alla luce l'intimità della coppia che acquisisce un'evidente dimensione sociale e politica, chiedendo visibilità e accettazione.

Vista della mostra Petrit Halilaj. Ad un corvo e agli uragani che da luoghi sconosciuti riportano odori di umani innamorati , Palacio de Cristal, 2020
in foto: Vista della mostra Petrit Halilaj. Ad un corvo e agli uragani che da luoghi sconosciuti riportano odori di umani innamorati , Palacio de Cristal, 2020

"L'opera di Petrit Halilaj è strettamente legata alla sua biografia, alla storia recente del suo paese e alle conseguenze delle tensioni politiche e culturali nella regione. I ricordi dell'infanzia immersi nel dramma della guerra e della vita dei rifugiati ricorrono in tutta la sua arte, che abbraccia temi come la casa, la nazione e l'identità culturale attraverso una varietà di media che vanno dal disegno e la scultura al video, all'installazione e persino alla scrittura.", spiegano i curatori della mostra organizzata dal Museo Reina Sofia, "Tuttavia, non proclama una rottura tra personale e intimo e storico e sociale, ma percepisce invece una relazione e una continuità che si trovano nel suo intervento per il Palacio de Cristal". Il titolo della mostra fa riferimento alla lotta che precede l'accettazione, che in questo periodo storico di grandi sconvolgimenti globali, è molto indicato. Con questo nido, Halilaj offre infatti un rifugio, e quindi fa sperare in un possibile futuro diverso da quello che apparentemente ci sta aspettando. La mostra potrà essere visitata fino al 28 febbraio 2021.