La Rizzani de Eccher, azienda di Cargnacco in provincia di Udine, costruirà in Norvegia il ponte in legno strutturale più lungo del mondo. Il progetto è frutto della joint venture Berinor, che comprende la Rizzani de Eccher di Udine e la Besix di Bruxelles, incaricata dall'autorità stradale norvegese Nye Veier di progettare e sviluppare il progetto infrastrutturale E6 Moelv-Roterud che prevede la costruzione di un ponte sul lago Mjosa, il più grande della Norvegia, che si trova nella parte meridionale del Paese a circa 100 km da Oslo. Il progetto Made in Italy della  Rizzani de Eccher realizzerà il ponte più lungo al mondo realizzato con l’utilizzo di legno strutturale.

Lungo più di 1 km e con una sezione di 11 km di autostrada a quattro corsie, il ponte sarà l'attraversamento in legno strutturale più lungo del mondo e costituirà un punto di riferimento per l'uso di materiali sostenibili nei principali progetti infrastrutturali, secondo una dichiarazione di Besix. Il progetto infrastrutturale E6 Moelv-Roterud andrà a realizzare non solo il ponte in legno più lungo della Norvegia ma anche del mondo e costituirà un punto di riferimento per l’uso di materiali sostenibili nei progetti infrastrutturali.  L'autorità stradale norvegese Nye Veier ha scelto la joint venture Berinor per gli aspetti di sostenibilità, comprese le limitate emissioni di gas serra, e l’integrazione nel paesaggio che sono tra i suoi obiettivi centrali: "Gli aspetti di sostenibilità, comprese le limitate emissioni di gas serra e l'integrazione del paesaggio di qualità, sono tra gli obiettivi primari di Nye Veier e Berinor", osserva una dichiarazione congiunta. Besix e Rizzani de Eccher sono associati all'appaltatore norvegese AF Gruppen, al designer e consulente Multiconsult e all'architetto Knut Selberg.

Il progetto di Rizzani de Eccher e Besix sul lago Mjosa, il più grande della Norvegia, comprende la costruzione di un ponte principale di 1 km di lunghezza e una sezione di 11 km di un'autostrada a quattro corsie. Le due aziende hanno collaborato ad altri importanti progetti e primati in Europa, come il ponte Crown Princess Mary (Kronprinsesse Marys Bro) in Danimarca, che comprendeva un'autostrada a quattro corsie di 8,2 km e un ponte di 1,4 km sul fiordo di Roskilde: il ponte è stato il primo ponte a sbalzo costruito in Danimarca dal 1970. Sia l'autostrada che il ponte attraversavano un'area Natura 2000 dell'UE, il che significava che la progettazione e la costruzione erano soggette a severi requisiti ambientali dell'Unione europea. Anche il ponte Sheikh Zayed ad Abu Dhabi, progettato dall'architetto Zaha Hadid, è stato realizzato da Besix e il ponte Shindagha a Dubai e il viadotto Theemswegtracé a Rotterdam.