Lo Stad Ship Tunnel è il primo tunnel per grandi navi costruito al mondo che attraverserà la costa occidentale norvegese per consentire alle grandi navi un viaggio più sicuro lungo il mare di Stad battuto spesso dalle intemperie. Lo studio di architettura Snøhetta è stato incaricato di progettare gli ingressi al tunnel che inizierà la costruzione nel 2022.

Lo Stad Ship Tunnel attraverserà la costa occidentale della Norvegia per rendere le spedizioni più sicure e collegherà la baia di Kjødepollen e Vanylvsfjorden in modo che le navi da carico e passeggeri fino a 16.000 tonnellate possano evitare le pericolose rotte marittime intorno alla penisola di Stad: "Lo Stad Sea è un tratto esposto e pericoloso lungo la costa norvegese.", spiegano gli architetti  Snøhetta che progetteranno i due ingressi in pietra del tunnel, "Le impegnative correnti oceaniche e la topografia sottomarina creano condizioni d'onda complesse e imprevedibili. In combinazione con il forte vento, questa diventa una parte molto impegnativa della costa. Le onde alte provenienti da direzioni diverse possono creare situazioni critiche per il traffico navale. Le onde possono rimanere indietro per diversi giorni dopo che il vento è calato, rendendo le condizioni di navigazione difficili anche nelle giornate con poco vento".

Snøhetta è stato incaricato di progettare gli ingressi del nuovo tunnel che migliorerà la navigabilità e la sicurezza del trasporto marittimo intorno a Stad. Lo Stad Ship Tunnel sarà lungo 1,7 chilometri, alto 37 metri e largo 36 metri. Ciò consentirà alle grandi navi un viaggio più sicuro lungo il mare di Stad battuto dalle intemperie. "Il design degli ingressi del tunnel si concentra sulla fusione del paesaggio naturale e culturale circostante con la grande scala del tunnel.", spiegano gli architetti, "Il paesaggio culturale della zona è dominato dai caratteristici muri in pietra, che formano linee nette nel bosco coltivato. I muri in pietra sovrapposti formano morbide linee orizzontali, fornendo una bella impressione visiva mentre si fondono come elementi naturali del paesaggio. Questi muri in pietra sono inseriti nel disegno degli ingressi, creando terrazze leggermente inclinate. Le terrazze sono costruite su pietra scavata nella montagna dove viene creato il tunnel. Utilizzando il taglio a filo e la sabbiatura, le terrazze avranno una forma naturalmente ruvida all'interno della precisa geometria delle linee orizzontali. Oltre a creare un collegamento con il paesaggio culturale dell'area, la geometria è anche molto vantaggiosa per la stabilità strutturale del portale".