"I medici salvano vite costruendo una vita sana, i designer salvano vite costruendo una vita degna di essere vissuta.", partendo dalla citazione di Mark W. Perrett, i creatori di The Arctic Hideaway vogliono introdurre un nuovo modo di concepire la vita. A The Arctic Hideaway non ci sono infatti negozi, automobili né animali pericolosi. Si tratta di un piccolo rifugio a Fleinvaer, un gruppo di piccole isole a sud-ovest della città di Bodo, in Norvegia, dove andare per imparare l'arte di non fare nulla.

The Arctic Hideaway si trova in un minuscolo villaggio dove c'è solo uno stabilimento balneare, un ristorante, una casa studio con un pianoforte, una sauna e una zona di ritrovo chiamata Tower House, ed è pensato per essere anche lo spazio di lavoro più bello del mondo: "Volevamo creare lo spazio di lavoro più bello del mondo, ma sembra che abbiamo anche creato un villaggio molto carino per riposare e ripristinare.", spiegano i creatori del progetto, Abbiamo costruito dieci case; quattro case sono per dormire, una è un bagno, una è pensata per cucinare e mangiare, una è una zona chill-out / monolocale aperto, uno è una sauna e spogliatoio , un altro è pensato per cucinare all'aperto e, infine, l'ultimo è l'iconica Tower House, una zona di ritrovo con un letto da giorno".

L'idea di realizzare un piccolo complesso di case, tutte con vista mozzafiato sull'Aurora Boreale, dove godersi la natura e sé stessi, è iniziata nel 2004: "Abbiamo scavato con cucchiai e forchette i primi anni prima di incontrare Yashar & Andreas degli architetti TYIN nel 2013, che ci hanno subito fatto conoscere la loro esigenza del prof. e il mentore Sami Rintala dell'architettura RintalaEggertson. Questo è stato assolutamente perfetto per noi.", raccontano i creatori di The Arctic Hideaway, "All'improvviso abbiamo avuto i due studi di architettura più pubblicati in Norvegia nel nostro team… Dopo otto workshop con studenti provenienti da tutto il mondo e due anni di processi di costruzione guidati da architetti e designer multi-qualificati Andrew Devine & Ruben Stranger, e in realtà senza falegnami, ora abbiamo dieci piccole case nel nostro piccolo villaggio".

Il villaggio si può raggiungere con traghetti pubblici dal porto di Bodo, piccole imbarcazioni o in idrovolante per 4 persone. La natura mozzafiato del luogo, come i cieli viola, l'aurora boreale e i venti forti, possono essere una buona scusa per rimanere più a lungo nel proprio rifugio norvegese, dove c'è spazio per un comodo letto matrimoniale, due sgabelli, un tavolino e una grande vetrata rivolta verso uno splendido panorama unico al mondo.