Zaha Hadid in collaborazione con i costruttori navali Blohm + Voss di Amburgo ha trasformato il concetto di design di yacht, creando una visione innovativa di un progetto di navigazione e offrendo nuove possibilità dinamiche per l'architettura navale con un prototipo da 128m esposto alla David Gill Gallery di Londra.

Il Superyacht dalla forma scultorea e dinamica progettato dall’architetto iracheno è il primo di una famiglia di cinque singoli yacht da 90m, "the unique circle yachts", che esplorano creativamente le filosofie di progettazione del prototipo originario variando i requisiti tecnici e il design completamente ingegnerizzato. Così la progettazione di sei super-yacht, presentati questo mese, è ben all'interno dello stampo progettuale della Hadid. Grandi e visivamente impressionanti, presentano profili fluidi e dall'aspetto organico, proprio come gli edifici firmati ZHA.

Il primo di questa serie di imbarcazioni più piccole è il ‘Jazz', che è stato tecnicamente specificato e dettagliato dagli architetti navali di Blohm + Voss in modo che corrisponda ai requisiti richiesti per le traversate oceaniche e presto lo vedremo in produzione. Il ‘Jazz' è stato immaginato come una barca personalizzabile in base alla quale i proprietari saranno in grado di scegliere la propria struttura secondo le proprie preferenze.

La ricerca idrodinamica ha giocato un ruolo importante nello sviluppo dello scafo. La totalità del prototipo master è avvolta in una struttura a esoscheletro che si compone di una rete di supporti che variano di spessore ed evoca i sistemi strutturali organici presenti nelle formazioni naturali marine. Questo esoscheletro collega i vari livelli ai ponti della nave senza soluzione di continuità tramite diagonali espressive.Gli interni delle navi sono più tradizionali, sporgendosi verso il minimalismo opulento in contrasto con le curve naturalistici del fuori. Tuttavia, un concetto di base del disegno è che l'interno e l'esterno del flusso in ogni altro modo naturale.

Un superyacht è per definizione un esercizio di disegno totale, dove ogni dettaglio è guardato con attenzione e raffinatezza. In passato, all'epoca delle navi a vapore, vi è stato un tentativo di utilizzare elementi delle costruzioni navale in architettura. Zaha Hadid e il suo team hanno preso questo ethos e hanno creato una nuova visione audace e un nuovo punto di riferimento nella progettazione di superyacht.

Non è la prima volta che la sede ad Amburgo Blohm + Voss ha reclutato uno dei principali architetti o designer per creare un marchio accattivante. Negli ultimi anni Blohm + Voss ha costruito molti dei più prestigiosi yacht del mondo. Questi includono l'innovativo 394-piedi "A" disegnato da Philippe Starck e  l'Eclipse, progettato da Terence Disdale, che con i suoi 533 piedi (162,5 metri) è il secondo più grande yacht privato del mondo.

"Come un oggetto dinamico che si muove in ambienti dinamici, la progettazione di uno yacht deve incorporare parametri aggiuntivi oltre a quelli dell'architettura: tutto diventa molto più estremo in acqua. Ogni yacht è una piattaforma di ingegneria che integra specifiche esigenze idrodinamiche e strutturali insieme con i più alti livelli di comfort, qualità e sicurezza del territorio", ha spiegato Zaha Hadid.

(All images courtesy Zaha Hadid Architects)