La velocità delle auto, specialmente in presenza dei passaggi pedonali, costituisce un pericolo enorme per i cittadini di tutte le città del mondo. Capita più spesso di quanto si possa pensare che le persone siano investite mentre sono intente ad attraversare la strada. Succedono infatti spesso incidenti che vedono protagonisti i pedoni, specialmente in città molto trafficate e affollate come le metropoli in India, dove le regole della strada spesso non esistono o non vengono rispettate. Mumbai, ad esempio, è una delle città più trafficate al mondo dove per percorrere sei chilometri ci possono volere anche due ore e gli incidenti stradali sono all'ordine del giorno. Così il Ministro dei trasporti Nitin Gadkari  ha ideato un modo per cercare di limitare gli incidenti: si tratta di strisce pedonali tridimensionali che attirano l'attenzione degli automobilisti facendo rallentare le auto in corsa.

Strisce pedonali in 3D per limitare la velocità delle auto: ecco la nuova iniziativa in India promossa dal ministero dei trasporti per evitare che gli automobilisti corrino troppo. La tridimensionalità conferisce infatti al passaggio pedonale un particolare effetto di galleggiamento dei pedoni che attira l'attenzione dell'automobilista facendolo rallentare. Ecco un'alternativa valida agli inibitori di velocità normalmente utilizzati.  "Stiamo utilizzando le strisce 3D come interruttori di velocità virtuali al fine di evitare inutili esigenze di inibitori di velocità", ha spiegato il ministro Gadkari. L'India ha infatti il più alto numero di morti per incidenti stradali al mondo, ed il governo, assodata l'inefficacia dei soliti metodi per limitare la velocità delle auto in strada, ha cercato soluzioni alternative: le strisce pedonali tridimensionali sono sembrate l'alternativa più originale, economica e funzionale che si potesse adottare. Si spera che l'esempio dell'India possa essere adottato anche da altre città del mondo salvando tante vite umane.