L'architetto francese Jean Nouvel ha svelato il progetto di un hotel sotterraneo che sarà scavato in una collina di arenaria nel deserto di AlUla in Arabia Saudita. Chiamato Sharaan, il resort sorgerà a circa 220 miglia a nord della città di Medina nel sito Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO di Madâin Sâlih .

Situato nel profondo della Riserva Naturale di Sharaan, il resort di Jean Nouvel si ispira alle vicine meraviglie nabatee di Hegra, il primo sito patrimonio mondiale dell'UNESCO dell'Arabia Saudita. È la prima volta che queste architetture di 2000 anni fa vengono riproposte da quando i Nabatei hanno scavato nella roccia arenaria di milioni di anni della regione. Jean Nouvel ha adattato i vecchi modi di vita dei Nabatei al mondo moderno, riducendo al minimo l'impatto sul paesaggio naturale e urbano. Per fare questo Nouvel ha introdotto una nuova tipologia di architettura, utilizzando l'astrazione, scolpendo la roccia. Il resort si integra con il loro ambiente, sia in verticalità che orizzontalità, per riconnettersi alla terra e costruire habitat sostenibili, lontano dal caldo dell'estate e dal freddo dell'inverno.

Il nuovo resort Jean Nouvel sarà completato entro il 2024. Includerà 40 suite per gli ospiti e tre ville resort. Un centro di ritiro vicino al resort sarà caratterizzato da 14 padiglioni privati. Jean Nouvel vede questo resort come un'opportunità per dare vita a una forte esperienza spaziale, sensoriale ed emotiva ai confini della natura, dell'architettura e dell'arte – dove il suono, la musicalità, la durezza, la tattilità, la potenza e la complessità della natura sono ovunque, da finemente tritato pietre sui balconi alla singolare granulosità di ogni parete rocciosa, tutto diventa un'opera d'arte in sé. Il progetto invita i viaggiatori a intraprendere un viaggio attraverso migliaia di anni di civiltà e strati geografici all'interno di ogni dettaglio dei suoi progetti, dalla sensazione permanente delle rocce al morbido comfort di poltrone, divani e sedili.