David Guambo è uno studente di architettura dell'Ecuador che ha realizzato Kusy Kawsay, un pccolo alloggio simile a una capanna che poggia su palafitte nella campagna dell'Ecuador. Kusy Kawsay significa "vita passionale" a Kichwa (un dialetto del quechua, una lingua usata nella regione andina), e la piccola casa rappresenta molto questo concetto col suo tetto in paglia e la struttura in legno.

L'idea di uno studio nella natura è nata ai tempi in cui David Guambo studiava architettura all'Universidad Tecnológica Indoamérica (UTI) di Ambato, in Ecuador, e come la maggior parte degli studenti, voleva solo uno spazio tutto per sé dove studiare ma anche ascoltare muscia e rilassarsi. Anzi il principale obiettivo del progetto era quello di essere in grado di riprodurre musica ad alto volume: "Sono diventato un grande fan dell'ascolto della musica ad alta voce, mi ha permesso di svolgere i miei compiti nelle scuole di architettura durante le notti, ma non mi rendevo conto che questo dava fastidio ai miei vicini", ha detto Guambo. Così Guambo ha usato un metodo di costruzione tradizionale ecuadoregno noto come "Bahareque", che prevede la tessitura di bastoncini e fango per costruire pareti compatte, e rendere il volume insonorizzato. Una finestra a tutta altezza conferisce un tocco moderno alla casa.

La capanna ha un tetto a due falde che è stato stratificato con paglia erbosa. Le pareti racchiudono il fango secco tra le strutture in legno per renderlo robusto. “Sto realizzando una stanza di studio, con il legno, con la paglia, e tutti mi hanno preso in giro perché sto costruendo con un sistema tradizionale. Questo perché non valutiamo ciò che abbiamo, preferiscono fare cose straniere, pensando che risparmieranno denaro. Ma quello che credo non sappiano è che puoi reinterpretare le cose che già abbiamo, per fare cose nuove, devi cambiare la mentalità delle persone con questo progetto che ho realizzato ", afferma il giovane designer. Una delle caratteristiche più belle è la grande finestra triangolare nella parte anteriore dello studio che consente molta luce solare interna e permette una vista del paesaggio mozzafiato. Le travi di legno incrociate lo trasformano in uno studio su palafitte e ci sono tronchi di legno tagliati che formano diverse file di panche sotto l'unità dove i passanti possono sedersi all'ombra per riposare. Gli interni sono semplici ma caldi, la struttura del tetto è esposta e i pavimenti sono rivestiti con assi di legno. È arredato con una scrivania in legno minimale che è opportunamente posizionata davanti alla grande finestra insieme a una sedia, tutto realizzato con tronchi di recupero.