Lo studio di architettura austriaco Marte.Marte Architekten ha vinto il concorso per convertire la casa natale di Adolf Hitler in una stazione di polizia. L'ex dittatore tedesco era nato a Braunau am Inn, una cittadina di 16.000 abitanti in Austria che a 75 anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale ha deciso di aprirsi ad un nuovo futuro, democratico. "Questo è il motivo per cui oggi stiamo aprendo un nuovo capitolo nel trattare la nostra responsabilità storica", ha sottolineato il Ministro degli Interni Karl Nehammer alla presentazione del vincitore del concorso lo scorso 2 giugno 2020, "Più di 140 anni dopo la nascita di Adolf Hitler, la sua città natale a Braunau diventa un'antitesi di tutto ciò che rappresentava: un luogo in cui si difendono la democrazia e i diritti umani, un luogo che offre sicurezza dalle persecuzioni e uno sguardo dietro consente la pace e la libertà nella parte anteriore.".

Adolf Hitler era nato il 20 aprile 1889, a Braunau am Inn, in Austria. il padre lavorava come funzionario doganale e con la famiglia lasciò Braunau am Inn quando Hitler aveva tre anni. L'edificio a tre piani dove era presente la sua abitazione era stato per anni oggetto di dispute legali. Nel 2019 il Ministero degli Interni austriaco ha indetto un concorso di livello europeo per conto del governo federale tedesco alla scopo di ristrutturare la casa natale di Hitler e scoraggiare "Attività nazionalsocialista" nella città che oggi è completamente diversa dal passato che l'ha marchiata. L'edificio natale di Hitler in futuro accoglierà servizi di polizia. "Quest'anno celebriamo il 75 ° anniversario della fine della seconda guerra mondiale, ma anche l'inizio di uno sviluppo democratico", ha dichiarato il ministro degli interni Karl Nehammer alla presentazione del 2 giugno 2020 a Vienna. "Puoi riconoscere la cultura democratica di un paese affrontando la sua storia e l'Austria ha impiegato molto tempo per confrontarsi con la sua storia".

Il progetto di Marte.Marte Architekten converte la casa natale di Hitler in una stazione di polizia. La proposta prevede un edificio con tetto a due falde e una facciata dai colori più neutri rispetto all'attuale facciata gialla. In questo modo l'edificio si integrerà di più nel contesto urbano. L'obiettivo è quello di creare uno spazio neutrale che eviti di essere un luogo di pellegrinaggio per simpatizzanti nazisti. I lavori di ristrutturazione dell'edificio dovrebbero essere completati nel 2023 e costeranno circa 5 milioni di euro.