Di architetture scavate nella roccia si trovano tanti esempi nel mondo, soprattutto nell'antichità. basti pensare alla città di Petra in Giordania o ad alcuni templi egiziani. Amey Kandalgaonkar è stata invece ispirata dalla tomba scavata nella roccia di Madain Saleh in Arabia Saudita per realizzare la sua casa nella roccia. Si tratta di un'architettura contemporanea completamente inserita in un enorme masso nel deserto.

Amey Kandalgaonkar ha ideato case che si integrano perfettamente nella natura. La sua Casa nella roccia è un prototipo dove la fotografa e architetto cinese immagina dei volumi bianchi essenziali che si inseriscono nella roccia del deserto. Il modo in cui le sue abitazioni dialogano con la natura è incredibile. Potrebbero sembrare dei volumi puliti che si sono scontrati con il masso ma il progetto rivela una costruzione che quasi sembra emergere dalla roccia stessa. La fotografa di architettura e architetto di Shanghai si è lasciata ispirare dalla tomba scavata nella roccia di Madain Saleh in Arabia Saudita. La Casa sempre però anche molto l’influenza delle teorie di architettura organica applicate da Frank Lloyd Wright nella Casa sulla Cascata.

La Casa nella Roccia è un’abitazione immersa nella natura arida del deserto. Si accede alla casa tramite il livello inferiore del masso dove è stata scavata una scala che conduce alla casa. L’abitazione gode di una serie di terrazze solarium mentre la casa è nascosta sotto un grande tetto sporgente che garantisce la giusta ombreggiatura agli ambienti interni contro la grande calura e luce del deserto. Gli interni sono essenziali senza però rinunciare alla comodità. Casa nella roccia è un modello ideale con cui Amey Kandalgaonkar prova a portare l’integrazione tra natura e architettura Gino alle estreme condizioni possibili.