JONATHAN NACKSTRAND / AFP via Getty Images
in foto: JONATHAN NACKSTRAND / AFP via Getty Images

Sulle banchine, alle pareti o nelle sale d'attesa, la metropolitana di Stoccolma è un museo d'arte sotterraneo. Dal 1957 gli artisti hanno avuto un ruolo chiave nella costruzione delle nuove stazioni. E nel tempo le vecchie stazioni della metropolitana – progettate e costruite senza arte – sono state abbellite con bellissime statue, murali e installazioni. Oggi il sistema di metropolitana di Stoccolma, davvero unico nel suo genere, conta centro stazioni, tutte capolavori artistici.

Inizialmente le stazioni della metropolitana di Stoccolma non erano decorate: "I politici di Stoccolma erano semplicemente indifferenti all'idea che le stazioni fossero altro che pit-stop funzionali. Si accontentavano di avere cartelloni pubblicitari sui muri. Fu solo dopo un decennio di discussioni, dibattiti e pubblicazioni della comunità artistica svedese che l'arte ottenne il suo posto nella metropolitana. ",spiega la guida d'arte Marie Andersson, "L'arte pubblica è considerata un'arte democratica perché offre a tutti l'opportunità di sperimentare l'arte di buona qualità nella vita di tutti i giorni. E non solo le persone che possono permettersi di acquistare arte o visitare gallerie e musei. E quando T-Centralen e Gamla Stan erano in programma – due nuove stazioni che avrebbero collegato le linee del sud e del nord a un singolo tratto di binari della metropolitana – fu organizzato un concorso per determinare le opere d'arte. Da allora, l'arte pubblica è diventata parte integrante della metropolitana di Stoccolma. Nel tempo tutte le prime stazioni sono state ridecorate o sono state installate opere d'arte. E nel 1998, le luminose luci al neon di Gun Gordillo furono installate nel soffitto di Hötorget. A quel tempo l'interno originale era diventato classico ed era rimasto praticamente intatto. Le piastrelle, i segni della piattaforma, i banchi – persino i cestini dei rifiuti – sono stati preservati per mantenere l'atmosfera degli anni '50".

T-Centralen è il principale snodo della metropolitana di Stoccolma. Aperta nel 1957, è stata la prima stazione d'arte nella metropolitana. I suoi ambienti sono caratterizzati da un colore blu dominante tanto da essere soprannominata "la piattaforma blu", che è uno dei luoghi più riconoscibili del sistema di trasporto pubblico di Stoccolma. L'artista Per Olof Ultvedt è l'artista che ha curato l'incredibile opera e scelse le tonalità del blu in base ai propri valori estetici e all'effetto rilassante di questo colore sulle persone. La metropolitana di Stoccolma è uno dei soggetti preferiti dagli utentu di Instagram, come la metropolitana Solna (in foto), decorata negli anni '70 dagli artisti Anders Aberg e Karl-Olov Bjor. Alcune stazioni, ovviamente, sono più popolari di altre. Visit Stockholm ha intervistato Linn Heimdahl ( @linnheimdahl ), fotografa e frequente subwaygrammer, sul perché le stazioni della metropolitana di Stoccolma fossero così famose da far scattare foto": È un mondo diverso laggiù, pieno di arte, architettura e colore. Ed è facile fotografare. Non importa quali siano le tue abilità di fotografo, la maggior parte delle immagini risulta eccezionale. Penso anche che più persone, non necessariamente fotografi, dovrebbero prendersi il loro tempo per scoprire la bellezza della metropolitana.", racconta la fotografa, "La maggior parte delle persone si precipita attraverso le stazioni, in fretta verso la loro destinazione. Basta pensare a tutto il lavoro che è stato dedicato alla creazione delle stazioni. È affascinante".