18 CONDIVISIONI

La piccola centrale elettrica diventa un alloggio di design per escursionisti

L’architetto Diana Lautenbag dello Studio di architettura e design Lautenbag Architectuur + De Stadsmeubelmake ha trasformato una piccola centrale elettrica a sud di Wirdum, nei Paesi Bassi, in un capolavoro di design per gli escursionisti in viaggio verso il Mare del Nord. La struttura ospitava un temo The Transformer che forniva elettricità a tutta Wirdum e dintorni.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Clara Salzano
18 CONDIVISIONI
Immagine

Appena a sud di Wirdum, nei Paesi Bassi, c'è una sorprendente "casa del trasformatore". La casa del trasformatore era così chiamata perché ospitava The Transformer, lo strumento che forniva elettricità a tutta la città e dintorni. L'architetto Diana Lautenbag dello Studio di architettura e design Lautenbag Architectuur + De Stadsmeubelmake ha trasformato la piccola centrale elettrica in un capolavoro di design per gli escursionisti in viaggio verso il Mare del Nord.

Immagine

The Transformer era stata costruita negli anni '20 in uno stile architettonico espressionista. L'edificio è caratterizzata da una pianta quadrata e misura 4,5 x 4,5 metri. I mattoni della facciata, il tetto a falde e la porta d'ingresso verde rendono questo edificio unico che fa parte del patrimonio culturale dei Pesi Bassi. La casa ospitava il trasformatore per fornire energia a Wirdum e all'area circostante ed era stata costruita in modo tale da subire il minor danno possibile in caso di incendio o esplosione. "Prima di iniziare a lavorarci, l'edificio non era stato utilizzato per più di 20 anni per la funzione per la quale era stato costruito", spiega l'architetto, "Il trasformatore è stato portato via anni fa. Per tutto questo tempo non è stato fatto nulla per la manutenzione. L'ex proprietario voleva demolire l'edificio. Volevamo mantenere l'edificio e convertirlo in una baita per escursionisti contemporanea con vista sul paesaggio circostante".

Immagine

Il progetto di Lautenbag Architectuur + De Stadsmeubelmake prevede un ampliamento della struttura esistente che, data la piccola planimetria interna, non prevedeva abbastanza spazio per accogliere comodamente la nuova funzione. Così la facciata dell'edificio è stata conservata com'era mentre le altre pareti sono come state estruse attraverso le finestre "Questa "esplosione" crea spazio e luce.", continua Diana Lautenbag, "Puoi anche dire che abbiamo portato l'interno fuori e l'esterno dentro. Portando all'esterno lo spazio interno e quindi portando la luce all'interno. Letteralmente leggero, ulteriormente valorizzato dall'utilizzo di materiali leggeri". All'interno solo il pavimento piastrellato è stato mantenuto, tutto il resto è stato trattato come un grande mobile in legno, con raffinati dettagli contemporanei. Il soffitto in legno esistente è stato rimosso per far posto a un soppalco con spazio per un ampio letto matrimoniale. Il camino ha un nuovo ruolo speciale: un tempo usato per riscaldare l'edificio, ora è dotato di una copertura in vetro per inondare lo spazio interno di luce naturale.

18 CONDIVISIONI
Da ex centrale elettrica a polo socio-culturale di design: la trasformazione è incredibile
Da ex centrale elettrica a polo socio-culturale di design: la trasformazione è incredibile
I migliori alloggi di design ecosostenibile al mondo
I migliori alloggi di design ecosostenibile al mondo
I bunker della Seconda Guerra Mondiale diventano case di design lungo la costa olandese
I bunker della Seconda Guerra Mondiale diventano case di design lungo la costa olandese
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni