309 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

La scuola modulare che costa poco e si può costruire ovunque

L’architetto Valentino Gareri ha progettato una scuola fatta di moduli sostenibili e flessibili che può essere realizzata con costi contenuti. Perfetta per le regioni africani, il progetto si ispira all’architettura vernacolare e si costruisce con materiali e tecniche locali. Si adatta a future estensioni ovunque ci sia bisogno.
A cura di Clara Salzano
309 CONDIVISIONI
Immagine

Il progetto di una scuola modulare che si adatta a future estensioni e che si adatta a qualsiasi contesto è stato progettato dall'architetto Valentino Gareri per le regioni africane. L'obiettivo è appunto quello di creare un edifico con materiali e tecniche locali e a costi contenuti. La scuola modulare di Valentino Gareri fornisce un edificio sostenibile, flessibile, facile da costruire, con bassi costi di costruzione e che si adatta perfettamente al contesto e all'ambiente circostante.

Immagine

L'architetto Valentino Gareri si è ispirato all'architettura vernacolare per la sua scuola modulare. Il triangolo presente nelle decorazioni delle e altre costruzioni africane viene qui ripreso per creare un modulo. Il modulo base misura 44 metri quadrati ed è composto da quattro elementi a base quadrata, due dei quali sono adibiti a classe per glia alunni, gli altri due semiaperti hanno una geometria triangolare che consente l'approviggionamento di acqua e energia e sono coperti da un tetto giardino che fornisce ombra e mitiga l'aria interna. Le aule contengono un deposito per consentire un uso flessibile dello spazio, sostituendo ad esempio le scrivanie con i letti o fornendo una stanza vuota per attività flessibili.

Ogni modulo può comprendere fino a 25 alunni. Il perimetro della scuola è caratterizzato dagli elementi di geometria triangolare che hanno una funzione strutturale e forniscono supporto per il tetto verde. Sopra ogni modulo triangolare, che contiene una fioriera che si sviluppa sulla parte superiore del tetto fornendo un parasole sostenibile e riduce il riscaldamento dell'edificio, possono essere installati pannelli fotovoltaici e solari, da usare anche come collettori di acqua piovana. Sotto ogni fioriera c'è poi un serbatoio che permette di usare l'acqua raccolta per i bisogni della scuola e per irrigare la vegetazione. Gli spazi comuni come corridoi e cortile centrale sono flessibili e possono essere utilizzati per attività extra o come estensione degli spazi didattici.

Immagine

La scuola modulare è flessibile e si presta perfettamente a future estensioni scolastiche: basta aggiungere dei moduli per venire incontro alle future esigenze. L'obiettivo di Valentino Gareri è anche quello di creare una struttura modulare che possa essere usata anche per altre funzioni come centri medici, workshop, alloggi per insegnantivisitatori: La forma triangolare è la migliore per fornire queste funzioni e la protezione del parasole consente comunque alla luce del giorno di entrare nelle aule. Trae ispirazione anche dai modelli artistici locali e dalle architetture vernacolari, realizzati con tetti triangolari di fieno".

309 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views