Progettata riutilizzando i comuni portabiciclette fatti di tubolare d'acciaio, la sedia Loopy rivoluziona il concetto di sedia e di riciclo. La Loopy Chair è stata ideata dal designer e artista Nikolas Gregory Bentel
che crea prodotti e performance che coinvolgono gli spettatori nel reinventare i loro oggetti quotidiani. L'originale seduta è realizzata in tubolare d'acciaio verniciato e deriva dal riutilizzo di un processo di produzione già in atto. La nuova creazione utilizza il linguaggio formale comune del portabiciclette, reinventandolo, ma senza dover creare attrezzature in eccesso per la produzione.

Il design della Loopy Chair. è stato vincolato dal tipo di raggi di curvatura tipici di un portabiciclette. La sfida di Nikolas Gregory Bentel è stata quella di creare una sedia che doveva utilizzare solo due raggi diversi: uno a 9” e l'altro a 18”: "Questo tipo di restrizione ha portato il design ad essere un connubio tra producibilità e usabilità. Reimmaginando il modo in cui realizziamo le cose, possiamo creare design originali che devono ancora essere visti come The Loopy Chair.", spiega il design e artista Bentel, "Ovunque ci sono potenzialità non sfruttate nei processi di produzione. L'obiettivo è quello di applicare un giorno questo metodo di progettazione per creare altri oggetti utilizzabili, da sedie e tavoli a mobili più grandi, compresi divani e letti". Questa idea di ripensare la produzione e riutilizzare oggetti di uso comune in modo differente si trova in altri lavori di mobili di Bentel come la sua Scrap Stool Collection. Nikolas Gregory Bentel è stato infatti spesso incaricato di creare esperienze emozionanti, strane e coinvolgenti per alcuni marchi utilizzando forme alternative di design del prodotto. Lo studio di Bentel è di base a New York dove sta completando il master in architettura alla Columbia University.