28.320 CONDIVISIONI
7 Gennaio 2021
17:55

La stazione galleggiante che ripulisce gli oceani

La designer Lenka Petráková ha ideato un modo per risolvere l’inquinamento degli oceanici, si chiama 8° continente e consiste in una stazione galleggiante che raccoglie i detriti di plastica dalla superficie dell’acqua e li scompone in materiale riciclabile. Il progetto è stato inoltre recentemente insignito del Gran Premio 2020 per l’architettura e l’innovazione del mare.
A cura di Clara Salzano
28.320 CONDIVISIONI

"Il mare è tutto", scriveva Jules Verne in "Ventimila leghe sotto i mari". Partendo da tale affermazione la designer Lenka Petráková ha ideato un modo eliminare i rifiuti dagli oceanici. Si tratta di una stazione galleggiante che raccoglie i detriti di plastica dalla superficie dell'acqua e li scompone in materiale riciclabile. Chiamato 8° Continente, l'obiettivo del progetto è un futuro più pulito e sostenibile per gli ambienti marini. Il progetto è stato inoltre recentemente insignito del Gran Premio 2020 per l'architettura e l'innovazione del mare promosso dalla Fondazione Jacques Rougerie.

"Gli oceani oggi non sono solo regioni inquietanti e proibite, ma aree che, nonostante il fatto che potrebbero non aver mai visto un essere umano, risentono degli effetti delle attività umane.", scrive  Lenka Petráková in riferimento al suo progetto di tesi 8° Continente, "L'inquinamento marino da plastica ha avuto un impatto su almeno 267 specie. A livello globale, milioni di tonnellate di rifiuti entrano nell'oceano ogni anno. A causa delle correnti oceaniche, questi rifiuti di plastica vengono raccolti in aree particolari, una di queste è il Great Pacific Garbage Patch (The 8th Continent). Garbage Patch è la posizione per la stazione galleggiante proposta che raccoglie i detriti di plastica dalla superficie dell'acqua…Oggi è il momento di valutare il potere immersivo degli oceani. Creano la vita sulla Terra e danno forma alla nostra atmosfera. Oggi è il momento di agire, agire e lottare per l'ambiente."

8° Continente è una stazione galleggiante con diversi processi che rispondono ai cambiamenti ambientali in loco. Il progetto di Lenka Petráková collega la struttura di ricerca e istruzione con il centro di riciclaggio della plastica oceanica. Questa nuova struttura non si occupa solo della pulizia dell'oceano, ma riflette i processi che si verificano sull'acqua e apprende dai processi biologici degli organismi marini. Considerata come un'architettura dinamica, la stazione galleggiante sta seguendo tre diversi principi ecologici principali: delle fluttuazioni per cui l'edificio è progettato e percepito come luogo in cui interagiscono diversi processi culturali e naturali; di stratificazione secondo cui l'organizzazione dell'edificio emerge dalle interazioni tra le sue diverse proprietà e livelli; di interdipendenza: le relazioni tra le proprietà degli edifici e l'ambiente sono reciproche. La struttura sostenibile risponde agli stimoli esterni e si sviluppa sulla base di questi per ripulire gli oceani e ripristinare l'equilibrio nell'ambiente marino.

28.320 CONDIVISIONI
New York avrà la sua piscina pubblica galleggiante che ripulisce l'acqua del fiume
New York avrà la sua piscina pubblica galleggiante che ripulisce l'acqua del fiume
Case galleggianti per paradisi tropicali
Case galleggianti per paradisi tropicali
Queste case galleggianti formano una comunità autosufficiente contro il degrado biologico
Queste case galleggianti formano una comunità autosufficiente contro il degrado biologico
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni