"La Cina ha subito un processo di urbanizzazione senza precedenti, dall'essere una società rurale predominante ad avere circa un miliardo di cinesi che vivono nelle città nel 2050. In questa trasformazione, la migrazione urbana ha abbandonato centinaia di migliaia di villaggi. Molte di queste hanno decine di generazioni di valore sociale, culturale e monumentale, ma al momento mancano di un grande significato futuro.", è da questa analisi che sono partiti gli architetti NEXT con IVEM (Istituto olandese per i beni culturali e il marketing) , Smartland (progettazione del paesaggio), Total Design (progettazione grafica), con il supporto del governo di Jinxi, per dare nuova vita agli oltre 102 villaggi abbandonati cinesi. Dafang, da paese fantasma è stato trasformato l'antico villaggio di Dafang in una destinazione d'arte interattiva.

Dafang è un antico villaggio cinese, con oltre 900 anni di storia. Negli ultimi decenni è stato gradualmente abbandonato a causa della repentina urbanizzazione della Cina. Si prevede infatti che entro il 2050 1 miliardo di cinesi vivranno nelle città. Così il governo Jinxi ha espresso il desiderio di rivitalizzare Dafang e NEXT Architects hanno trasformato il villaggio abbandonato in un ambiente interattivo in grado di reinventarsi costantemente, in cui hanno collaborato artisti cinesi e architetti olandesi, per attrarre una nuova generazione di visitatori e abitanti sul posto. "Gli interventi sono progettati su tre livelli. In primo luogo, lo spazio urbano, l'architettura e il paesaggio sono ripristinati ove possibile, con nuovi materiali, creando un dialogo tra elementi vecchi e nuovi.", spiegano gli architetti di NEXT, "Ad esempio: le tegole di vetro vengono utilizzate per ripristinare i tetti delle vecchie case e l'antico sistema di irrigazione è stato restaurato aggiungendo elementi come un filtro di elofite naturale per pulire l'acqua. In secondo luogo, sono stati aggiunti una torre di guardia, che riprende la torre d'avvistamento originale andata scomparsa nel tempo, e una sala pubblica: nuove strutture edilizie che prendono spunto da precedenti sul posto".

Caratteristica principale del progetto è l'uso dell'arte negli spazi pubblici volto a creare un nuovo museo del villaggio, una biblioteca e studi per artisti che vengono invitati a intervenire sulle strutture del villaggio creando una galleria d'arte a cielo aperto e un'esperienza interattiva unica. L'Holland-Dafang Creative Village è il risultato di una collaborazione multidisciplinare di architetti, designer e artisti cinesi e olandesi per dare nuova vita alle aree rurali cinesi. “La rivitalizzazione rurale è uno dei principali sviluppi futuri della Cina. Riteniamo che ciò richieda la progettazione di un equilibrio tra vecchio e nuovo, vita e visita, storia e futuro. ”, concludeJohn van de Water, partner NEXT architects Beijing.