14 Luglio 2020
10:37

La storia di Santa Sofia, l’iconico monumento di Istanbul che diventerà moschea

Fondato 1.500 anni fa come cattedrale cattolica ortodossa, il monumento di Santa Sofia a Istanbul, patrimonio mondiale dell’Unesco, sarà trasformato di nuovo in una moschea. Ad annunciarlo è stato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan che ha scosso il mondo intero. Anche il Papa si è dichiarato addolorato per la decisione del governo turco, in considerazione della storia dell’iconico edificio.
A cura di Clara Salzano

Ha scosso il mondo intero l'annuncio del presidente turco Recep Tayyip Erdogan che trasformerà l'iconico monumento di Santa Sofia a Istanbul in una moschea. Dichiarato Patrimonio Mondiale dell'Unesco nel 1985, Santa Sofia è stata fondata come cattedrale di Costantinopoli (oggi Istanbul , in Turchia ) nel VI secolo dC (532-537), sotto Giustiniano I. Conosciuta anche come Chiesa della Divina Sapienza , è la struttura bizantina più importante e uno dei più grandi monumenti del mondo. La decisione di Erdogan di rendere Santa Sofia una moschea, di nuovo, ha addolorato persino Papa Francesco. È di oggi la notizia che Santa Sofia sarà aperta alle visite dopo l'orario della preghiera musulmana.

La fondazione

La storia di Santa Sofia non segue uno sviluppo lineare e ha subito diverse dominazioni che ne hanno spesso cambiato la funzione. Fu costruita in soli sei anni e completata nel 537, su progetto degli architetti Anthemius di Trallese e Isidoro di Mileto. Il nome originario latino era Hagia Sophia che indicava una basilica longitudinale con un'enorme cupola principale di 32 metri. In pianta l'edificio è quasi quadrato. Ci sono tre navate separate da colonne sovrastate da gallerie e finestre, che creano un effetto luminoso all'interno per cui sembra che il baldacchino fluttui nell'aria. La struttura originaria fu voluta da Giustiniano I e la chiesa che possiamo ammirare oggi è essenzialmente l'edificio del VI secolo, ad eccezione di un terremoto del 558 che fece crollare parte della cupola poi ricostruita. Per più di un millennio fu la Cattedrale del Patriarcato ecumenico di Costantinopoli. Hagia Sophia fu saccheggiata nel 1204 dai veneziani e dai crociati durante la quarta crociata.

La prima moschea

Nel 1453 Costantinopoli fu conquista dai turchi e Mehmed II impose la conversione a moschea della Basilica di Santa Sofia e vi aggiunse un minareto di legno, un grande lampadario , un mihrab che indica la direzione della Mecca e un minbar (pulpito). Il minareto in legno originale non è arrivato fino a noi. Oggi conosciamo solo il minareto rosso costruito probabilmente dal figlio di Mehmed II, Bayezid II, che ha eretto anche lo stretto minareto bianco sul lato nord-est della moschea. Gli altri due identici minareti sul lato occidentale risalgono al 1500.

Patrimonio dell'Unesco

Nel 1934 la Pres. turca Kemal Atatürk secolarizzò l'edificio, lo rese un edificio laico che permise di rendere Santa Sofia un monumento e principale fonte di conoscenza dello stato dell'arte musiva tra l'VIII e IX secolo, secondo gli storici dell'arte. Nel 1985 Hagia Sophia fu dichiarata Sito patrimonio mondiale dall'UNESCO e fa parte delle Aree storiche di Istanbul insieme ad altri importanti edifici e luoghi storici della città. Dopo decenni, Santa Sofia tornerà ad essere una moschea secondo quanto annunciato di recente dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

Questo enorme teatro cinese è ispirato alla Grande Moschea dell'Oman
Questo enorme teatro cinese è ispirato alla Grande Moschea dell'Oman
Perché non andava demolito lo storico Autogrill Villoresi Ovest sull'A8 Milano-Varese
Perché non andava demolito lo storico Autogrill Villoresi Ovest sull'A8 Milano-Varese
Il Museo Audemars Piguet apre in Svizzera: BIG (Bjarke Ingels Group) firma il progetto
Il Museo Audemars Piguet apre in Svizzera: BIG (Bjarke Ingels Group) firma il progetto
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni