La Street art è conosciuta, e riconosciuta ormai, come una forma arte di protesta e provocazione, che si manifesta in luoghi pubblici, spesso illegalmente, nelle tecniche più disparate (spray, sticker art, stencil, proiezioni video, sculture) usate sconvolgere l'ambiente urbano e catturare l'attenzione dei passanti.

Ma se il paesaggio divenisse un punto di forza della street art? Sarà questa la domanda che si sono posti artisti come Oak Oak, Ernestas Zacharevičius e (ovviamente) Banksy: adattare la propria arte al contesto in modo che i dipinti, solitamente 2D, sembrino interagire con l'ambiente circostante in tridimensionale.

Utilizzando, con originalità e creatività, ombre stazionarie, fili penzolanti, un buco nel muro, un albero o il telaio ornato di una finestra, il lavori che vi proponiamo giocano con la percezione e la prospettiva di elevare l'arte di strada in un campo ben oltre la variabile comune.