"Ho progettato la torcia olimpica con l'augurio della pace e della guarigione dei cuori delle persone colpite da calamità naturali.", così Tokujin Yoshioka ha presentato la sua torcia olimpica per Tokyo 2020. Il designer giapponese si è ispirato al fiore degli alberi di ciliegio di sakura per l'oggetto che accompagna gli atleti nella staffetta che apre i giochi allo Stadio Nazionale di Tokyo, progettato da Kengo Kuma. Il fiore di ciliegio è il fiore più popolare e simbolico del Giappone. La torcia di Tokyo 2020 utilizza la tecnologia di produzione dell'estrusione dell'alluminio che permette di ridurre completamente il peso dell'oggetto e ne garantisce una perfetta omogeneità senza soluzione di continuità.

La torcia olimpica di Tokyo 2020 è fatta con l'alluminio riciclato proveniente dalle case prefabbricate costruite dopo il terremoto del Grande Giappone orientale. La forma della torcia disegnata da Tokujin Yoshioka è ispirata all'emblema sakura: "Nel 2015 ho visitato la prefettura di Fukushima e fatto un laboratorio di disegno con bambini dell'area colpita dal disastro come assistenza per la ricostruzione.", spiega il designer giapponese, "I fiori di ciliegio che disegnavano erano tutti vibranti, come se simboleggiassero lo spirito della gente che si muoveva verso la ricostruzione e proiettava speranze per il futuro. Quell'esperienza mi ha ispirato a progettare questa torcia.

Tokyin Yoshioka non ha semplicemente progettato il design del corpo della torcia ma la forma della sua fiamma. A differenza delle altre torce olimpiche, quella per Tokyo 2020 è caratterizzata da cinque fiamme separate che emergono dai petali di fiori e si uniscono al centro della torcia. La torcia di Yoshioka crea una fiamma di Sakura, simbolo di pace. La torcia olimpica accesa simboleggia la fioritura di sakura in tutto il Giappone: "La fiamma sacra attraversa il Giappone e spero che questa narrazione coinvolgerà maggiormente le persone e illuminerà le nostre strade", racconta Tokyin Yoshioka. Il progetto del designer giapponese ha reso possibile non solo creare un elemento simbolico d'effetto ma anche un oggetto leggero e facile da portare, grazie al particolare design del corpo e dell'impugnatura. La torcia pesa 1,2 kg e misura 71 cm di lunghezza. Inoltre è progettata per garantire che la fiamma non si spenga nemmeno durante la stagione dei tifoni e possa essere usata anche per persone con disabilità visiva includendo un segno di posizionamento che indica la parte anteriore della torcia. Ukushima è stato scelto come punto di partenza per il relè della torcia olimpica a partire dal 26 marzo 2020.