AZ_WEST_2015_SUMMER_PHOTO_LANCE_BREWER
in foto: AZ_WEST_2015_SUMMER_PHOTO_LANCE_BREWER

Dal 2004 l'artista americana Andrea Zittel è impegnata nella creazione di un'opera d'arte in divenire  nell'alto deserto della California vicino al Joshua Tree National Park. L'opera si intitola AZ West ed è situata su oltre settanta acri usati come un terreno di prova in evoluzione per vivere, un luogo in cui spazi, oggetti e atti di vita si intrecciano in un'unica indagine in corso su cosa significhi esistere e partecipare alla nostra cultura oggi.

"Come vivere?" e "Cosa dà significato alla vita?", sono queste le domande alla base sia della vita personale che della pratica artistica di Zittel. "Rispondere a queste domande ha comportato l'esplorazione di complesse relazioni tra il nostro bisogno di libertà, sicurezza, autonomia, autorità e controllo, osservando come la struttura e le limitazioni spesso hanno la capacità di generare sentimenti di libertà al di là delle scelte illimitate.", spiega Andrea Zittel che nella sua proprietà vicino al Joshua Tree National Park ha dato vita all'opera AZ West. L'intera proprietà comprende la casa / campo di prova di Zittel, il Wagon Station Encampment, il campo di rigenerazione, il complesso di container per le spedizioni, lo studio AZ West e lo studio di tessitura, le cabine satellitari AZ West, i Planar Pavilions, un lotto di dieci acri per Progetti High Desert, siti di test e diversi lotti adiacenti previsti per progetti futuri.

Il Wagon Station Encampment di Andrea Zittel comprende una serie di baccelli dove dormire nel deserto di Joshua Tree, in California. Due volte l'anno, l'artista americana permette infatti agli artisti, escursionisti e ai ricercatori di soggiornare nell'Accampamento, che è adiacente alla sua casa e studio. Progettato per facilitare l'impegno sociale e l'esplorazione personale, l' Accampamento è una miscela di spazi comuni e privati. “Tutti hanno la loro fantasia nel deserto; la mia fantasia particolare era probabilmente quella di vivere in un paesaggio alieno ", dice Zittel che descrive l' Accampamento come un riflesso di" un'estetica da pioniere della fantascienza ". "La gente dice che il mio lavoro è incentrato sul controllo, ma in realtà non lo è", osserva. "Cerco sempre la zona grigia tra la libertà – che a volte può sembrare troppo ampia e aperta – e la sicurezza – che può facilmente trasformarsi in reclusione".