"Napoli è città di rampe, di scalini, di ponti, di trafori, perché è città di memoria", scriveva Giuseppe Marotta. Scale che appartengono alla configurazione storica della città sorta su un territorio naturalmente scosceso fatto di colline sinuose e solchi profondi, antichi percorsi pedonali che congiungono le colline con il centro e la costa. Scale che entrano nei cortili dei palazzi e creano scenografie da togliere il fiato. Napoli è una città di scale. In pietra lavica, calcarea, piperno e marmi vari. Nere, grigie, qualche volta bianche. Alte, basse, lunghe, corte. Napoli è una città da scoprire, a piedi, arrampicandosi fino dove il cielo diventa una cornice.

Spesso fatiscenti e degradate, le scale di Napoli sembrano aver preservato un passato della città ormai dimenticato, quasi come se il tempo si fosse fermato diversi anni fa. "Scale mobili sotto la luna, diagonali e passaggi segreti, un cammino che esiste da sempre, il tesoro della città antica", cantava Edoardo Bennato, ne "La città obliqua". Ne sono un esempio le Rampe del Petraio o le Scale della Pedamentina di San Martino intorno a cui, nel tempo, si sono andati a stratificare nuclei abitativi che hanno conservato il loro carattere popolare e pittoresco che apre verso un panorama mozzafiato della città. Ma non si tratta solo di percorsi che disegnano una trama precisa sul territorio, questo viaggio nella città storica vi porterà alla scoperta di scale che creano vere e pro­prie quin­te tea­tra­li nei cortili dei palazzi, cifra sti­li­sti­ca di un ‘700 na­po­le­ta­no spesso sconosciuto e che vede nell'opera dell’ar­chi­tet­to Fer­di­nan­do San­fe­li­ce la sua massima espressione, come di­mo­stra­no i ce­le­bri esem­pi di Pa­laz­zo San­fe­li­ce nel Rione Sa­ni­tà e di Pa­laz­zo dello Spagnolo ai Ver­gi­ni.

Le scale raccontano Napoli, racchiudono il meglio dell'identità della città e della sua storia che non si ferma all'età barocca ma prosegue nei secoli, con Palazzo Mannajuolo a via Filangieri ad esempio, fino ai giorni nostri in cui la conoscenza di questo importante patrimonio è fondamentale per un rilancio della città e della sua riqualificazione (Foto Alessio Viscardi). Vi lasciamo con una poesia di Carlo Bernari che perfettamente coglie il carattere più intimo della città, lontano dall'immagine di una Napoli fatta di luoghi comuni, stereotipi, chiassosa e assolata:

Napule è tutta rampe, scalinate,
scale, gradune, grade, gradiatelle,
sagliute, scese, cupe, calate,
sicule ‘e coppa, ‘e sotto, viculille,
sicule storte,
sicule cecate.
E song’ ‘a centenare
‘e sicule ca nun spontano,
o c’ ‘o purtone ‘nfunno
a spuntatora.
Allèro o disperato, tu saglie
Sempre a Napule; fai na rampa,
n’ata, po’ n’ata ancora
ca te leva ‘o sciato.
Jastimme e cunte ‘e grare,
e ghiastemmanno sempre
Napule a vide crescere
tra rampa e rampa
tanta filèr’ ‘e panne spase,
una culata ‘e case.
‘O mare se fa cielo attuorn’ ‘a sti pprete
appese ca dirupano,
una fiumara ‘e strade.
Sott’ ‘o sole ca coce
Nun scorge cchiù nu viculo,
na grara, na calata,
nu vico stuorto,
nu viculo cecato:
‘e vvie so tutt’ ‘e stesse,
mez’ombra e meza luce,
e ogni tanto na voce,
o nu tramme su lagno
ca saglienno saglienno
allimma ‘e cchiaste int’ ‘e vutate
mettenno luntananza
fra nu balcone e n’ato.
È na delizia, o core te s’allarga,
e cu dduje surse t’ ‘a bive
tutta Napule
cu na sola guardata.