"Voi aspettate, io invento", questo era il motto di Archimede Pitagorico, l'inventore di Paperopoli, una città di 1.316.000 abitanti dell'universo Disney, capitale dello stato fittizio del Calisota. Razzi spaziali, nasi elettronici per cercare tesori, dischi volanti personali: queste e molte altre ancora sono alcune delle invenzioni che Archimede realizza e vende nel suo laboratorio, spesso assurde, inutili, a volte avveniristiche o con risvolti finali catastrofici. Vi starete chiedendo a questo punto come mai stiamo parlando di Archimede Pitagorico; beh l'articolo di oggi vi mostrerà proprio alcune delle creazioni più inutili mai inventate, degne del migliore Archimede Pitagorico, ma che siamo sicuri, una volta viste, oltre a farvi sorridere, vorrete ad ogni costo in casa vostra.

"Nulla è più necessario del superfluo", diceva Oscar Wilde, ma di certe invenzioni si può fare tranquillamente a meno: sono le creazioni più inutili mai realizzate che proprio per la loro assurdità, non riuscirete a trattenervi dal ridere. Dall'ombrello per cani alla cintura ‘controlla peso', la storia è costellata da una serie di invenzioni sbagliate. Alcune hanno goduto anche di un successo strepitoso, ovviamente, perché utilizzate per tutt’altri scopi. Come l'LSD, inventata da Albert Hofman che in realtà cercava un rimedio all’infertilità. Oppure come il brandy: pare che nel Medioevo trasportare il vino fosse un bel problema poiché occupava spazio e pesava tanto. Si pensò bene di disidratarlo, ma aggiungere acqua all’arrivo non restituiva alla preziosa bevanda il sapore di un tempo. In compenso, dal vino disidratato si otteneva dell’ottimo brandy.

La maggior parte delle invenzioni sbagliate o inutili di fortuna però ne hanno avuta ben poca. Alcune di queste strampalate creazioni sono diventate addirittura collezioni del NONSEUM, un museo dedicato alle invenzioni inutili, allestito a Herrnbaumgarten, in Austria, da un tale di nome Fritz Gall, inventore stanco di creare invenzioni fallite. I prodotti che stiamo per presentarvi non siamo certi appartenghino a qualche collezione permanente ma siamo sicuri che meriterebbero un posto d'onore nel NONSEUM.