"Così ripida è la caduta del terreno dalla strada verso l'acqua che la casa sembra essere stata intagliata nel sito, un oggetto lavorato arroccato in un mondo naturale. Il dialogo drammatico tra il candore della casa e il blu e il verde primari dell'acqua, degli alberi e del cielo consentono alla casa non solo di affermare la propria presenza, ma anche di esaltare, al contrario, la bellezza del suo ambiente naturale ", con queste parole l'architetto americano Richard Meier introduce la magnifica Douglas House, situata in modo spettacolare su un sito isolato che degrada verso il Lago Michigan. Immersa nel verde e in bilico sulle rive del lago Michigan, negli USA, Richard Meier ha realizzato la Douglas House per Jim e Jean Douglas. La casa è posta dolcemente su un ripido pendio sopra l'acqua, quasi come se galleggiasse tra gli alberi e dall'interno la vista esterna è mozzafiato dando l'impressione ai suoi abitanti di essere sospesi nella natura.

Costruita tra il 1971 e il 1973, la Douglas House ha ricevuto il riconoscimento del suo significato storico e architettonico dal National Park Service US Department of the Interior. La casa è stata inclusa nel registro nazionale dei luoghi storici e con quella designazione entra a far parte dell'elenco selettivo di risorse culturali degne di conservazione negli Stati Uniti d'America. Situata in una posizione drammatica in bilico sulle rive del lago Michigan, la villa progettata da Richard Meier per Jim e Jean Douglas è un volume bianco immerso nel verde della collina. Alla casa si accede tramite un ingresso che si estende oltre l'involucro dell'edificio. "Qui, poiché il forte dislivello del terreno richiede l'accesso alla casa a livello del tetto, assume la forma di un ponte volante che sembra troncare la sommità del piano frontale.", racconta l'architetto americano, "Il lato est, prospiciente la strada, è la zona privata, protetta da una tesa membrana bianca forata da aperture quadrate e finestre a fascia orizzontale. Il ponte a livello del tetto accentua il flusso senza ostacoli dello spazio tra questo muro e il fianco della collina, ed è vissuto come un vuoto attivato che sigilla ulteriormente la zona privata dalla strada. Una volta all'interno del vestibolo d'ingresso, la vista si apre a ovest, fino al livello del soggiorno e della sala da pranzo, e su una grande terrazza sul tetto che si affaccia sul Lago Michigan…Il soggiorno si libra virtualmente nel paesaggio entro tre pareti di vetro. Il camino ancora la stanza, legando il pavimento all'orizzonte del lago come se l'acqua stessa fosse a sbalzo dai mattoni. I livelli della casa possono essere tracciati nei montanti delle vetrate, che riecheggiano i drammatici orizzontali della superficie del lago, dell'orizzonte e del litorale. I montanti verticali si aprono a ventaglio dagli angoli, portando con sé le linee dei grandi alberi lungo la casa. Il flusso senza ostacoli dello spazio dall'interno verso l'esterno, così fortemente inscritto nella Smith House, è reso più profondo".