325 CONDIVISIONI
22 Luglio 2015
14:00

Leonardo, Raffaello, Michelangelo e Donatello: le tartarughe ninja del Rinascimento

I geni del Rinascimento italiano diventano moderne tartarughe ninja nel murale dell’artista Owen Dippie: quando la cultura popolare contamina l’arte.
A cura di Clara Salzano
325 CONDIVISIONI

Sicuramente i nati negli anni '80 ricorderanno il cartone delle Tartarughe Ninja, tratto dal famoso fumetto giapponese Teenage Mutant Ninja Turtles (letteralmente "Tartarughe Ninja Mutanti Adolescenti"), in cui quattro tartarughe, con i nomi di famosi artisti italiani del Rinascimento, vivevano diverse avventuri da veri guerrieri giapponesi. Ognuno con una bandana intorno agli occhi dai colori differenti, aveva il proprio carattere ed il proprio ruolo nel gruppo, ma le loro avventure hanno accompagnato e divertito molte generazioni.

L'artista Owen Dippie, grande fan delle Tartarughe Ninja, ha creato a New York, su un muro di Brooklyn, un enorme murale che raffigura i quattro artisti del Rinascimento italiano, Leonardo, Raffaello, Michelangelo e Donatello, come le adolescenti tartarughe ninja, collegando i loro nomi da fumetto ai veri personaggi storici. "Sono figlio della cultura popolare e trovo ispirazione dai miei eroi", ha dichiarato l'artista, "Con il loro coinvolgimento nella mia arte pago il mio massimo rispetto per loro nel modo migliore che conosco". Come un ninja mentre aspetta la sua grande occasione per trasformare un muro, Owen Dippie ha impiegato tre giorni per realizzare la sua opera.

325 CONDIVISIONI
Leonardo da Vinci: le 10 curisoità che (forse) non sai sul genio rinascimentale
Leonardo da Vinci: le 10 curisoità che (forse) non sai sul genio rinascimentale
Ecco come sarebbe farsi un giretto in tartaruga
Ecco come sarebbe farsi un giretto in tartaruga
1.397 di WebMix
Ritrovata una tartaruga-alligatore: l'incredibile scoperta
Ritrovata una tartaruga-alligatore: l'incredibile scoperta
76.812 di NotizieCuriose
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni