Ogni mese vengono prodotte 129 miliardi maschere chirurgiche anti Covid19. Il designer sudcoreano Haneul Kim ha realizzato uno sgabello con gli sprechi causati dalle maschere usa e getta. "Stack and Stack” è un arredo nato in seguito alla recente emergenza sanitaria e ambientale causata dalla pandemia globale e dal conseguente uso massivo di dispositivi di protezione. Il coronavirus ha causato devastazioni in tutto il mondo, incluso l'inquinamento da plastica determinato dall'uso massivo di maschere chirurgiche di protezione personale. Ogni mese, oltre le maschere, vengono prodotti 65 miliardi di guanti destinati ad inquinare gli oceani e la Terra.

Haneul Kim ha creato uno sgabello con gli scarti delle maschere anti Covid19. Il designer sudcoreano vuole attirare l'attenzione sull'enormità del problema dei rifiuti di plastica nel mondo in seguito all'emergenza sanitaria determinata dalla pandemia globale. Così ha ideato modi creativi per riciclare i DPI. Nel suo ultimo progetto ha raccolto migliaia di maschere chirurgiche e le ha fuse insieme. Il risultato è stato una plastica dura e durevole che è sta usata per formare nove sgabelli. Dopo aver prodotto gli sgabelli, li ha tinti di rosa, bianco, blu e altre tinte multicolor. Kim spera che queste sedie aiutino aziende e designer a pensare in modo creativo su come affrontare i problemi ambientali.

Ci voglio 1.500 maschere chirurgiche per realizzare uno sgabello di Kim: "Spero che queste sedie sottolineino la gravità dell'inquinamento ambientale e ispirino le persone a pensare a come risolvere il problema". A giugno Haneul Kim ha allestito una scatola per la raccolta di maschere nella sua scuola, la Kaywon University of Art and Design nella città di Uiwang, a sud di Seoul. Da allora ha raccolto 10.000 maschere usate e ha ricevuto anche più di una tonnellata di maschere difettose da una fabbrica. immaginate il potenziale dell'intero Pianeta cosa potrebbe creare.