I WC chimici sono degli strumenti sanitari che vengono utilizzati in tutti quei luoghi in cui non è presente un allaccio alla rete fognaria o all'acquedotto, soprattutto quando ci si trova in campeggio, in campagna, in montagna o si fa un lungo viaggio in camper o in roulotte. A differenza di quello fisso, infatti, il WC chimico può essere trasportato ovunque, anche in barca, o utilizzato quando si fanno lunghi spostamenti in auto. Può rivelarsi molto utile anche per chi lavora in cantiere o quando il bagno di casa è in ristrutturazione e ne occorre uno di emergenza da utilizzare temporaneamente.

Questo strumento, però, non viene utilizzato solo quando si vogliono vivere senza problemi giornate all'aria aperta, ma si rivela molto comodo anche per le persone anziane o per quelle con problemi di deambulazione che hanno difficoltà a recarsi nel bagno di casa.

In commercio sono disponibili diverse tipologie WC chimici portatili elettrici, con tenda incorporata, WC chimici per la casa in campagna o da tenere semplicemente in casa non solo quando ci sono delle ristrutturazioni, ma anche se si ha una famigli numerosa e non si hanno ampi ambienti domestici dai quali ricavare qualche bagno in più.

Prima di scoprire quali sono i migliori attualmente presenti sul mercato, vediamo nel dettaglio cos'è e come funziona un WC chimico.

Cos'è e funziona un WC chimico

Trattandosi di uno strumento sanitario che, a differenza di quello fisso, si utilizza in viaggio, all'aria aperta e che può essere trasportato ovunque, un WC chimico ha una struttura del tutto differente da quella di un normale bagno ed costituita da due parti principali, una superiore ed una inferiore. La prima è formata dal sedile e contiene le acque bianche che occorrono per risciacquare il gabinetto, mentre la seconda è dotata di un contenitore con le acque nere e le scorie che si sciolgono grazie all'azione dei prodotti chimici che vengono inseriti nel contenitore. Sono proprio questi ultimi che, oltre a dare il nome allo stesso strumento, sono necessari per rendere liquido il materiale organico in modo tale da permettere una facile rimozione delle acque nere. Le due parti che compongono il WC chimico si possono collegare e scollegare facilmente per rendere semplice la pulizia del contenitore che raccoglie le scorie.

In linea generale le dimensioni di un WC chimico si aggirano intorno ai 35x40x45 cm mentre il peso di entrambe le parti collegate, vuote e che, insieme, formano l'intero strumento hanno un peso di circa 4 Kg. Il volume d'acqua che è capace di contenere, invece, va dai 10 ai 20 Litri. Specifichiamo, infine, che un WC chimico pieno può arrivare ad un peso di 35 Kg: per questo motivo, molti modelli sono provvisti di ruote per agevolare il trasporto.

Il suo funzionamento, invece, è simile a quello di un normale bagno. La prima azione da compiere consiste nel riempire il serbatoio del gabinetto separando con un'apposita leva le acque chiare da quelle nere. Si passa poi all'inserimento del liquido apposito per i bagni chimici che va diluito con dell'acqua seguendo i passaggi che vengono riportati nelle istruzioni. Una volta compiuti questi passaggi preliminari e riempita la parte della acque bianche, si procede con il montaggio del contenitore superiore con quello inferiore adibito allo scarico.

Va poi riempito il serbatoio di risciacquo con circa 15/20 Litri di acqua aggiungendo altro prodotto specifico per questi strumenti. Per scaricare l'acqua in eccesso e per risciacquare il gabinetto è sufficiente aprire e chiudere uno stantuffo che è presente sulla parte posteriore del WC. In questo modo le acque chiare vanno a finire in quelle del serbatoio delle acque di scarico. Per capire quando è il momento di svuotare le acque nere basta fare riferimento ad una spia luminosa che segnala quando è il momento di procedere. Per effettuare questa operazione occorre separare le due parti e scaricare le acque nere in un luogo autorizzato.

I migliori WC chimici del 2020

Dopo aver visto a cos'è e come si utilizza un wc chimico, scopriamo insieme quali sono i migliori di quest'anno. Abbiamo stilato una lista contenete i migliori modelli presenti in commercio basandoci sulle recensioni degli utenti che hanno acquistato online, sulla comodità e sul miglior rapporto/qualità prezzo. Vediamo quali sono.

Thetford Porta Potti 365

Iniziamo i nostri suggerimenti con Thetford Porta Pottil 365 un wc chimico portatile pratico e, soprattutto, molto facile da montare e da smontare perché composto da solo due parti (sciacquone e tazza). Un'altra caratteristica molto apprezzata è la facilità di manutenzione, che lo rende un prodotto ottimo da utilizzare in campeggio o in luoghi sprovvisti dei tradizionali servizi igienici. La presenza di una pompa a pistone manuale garantisce uno scarico potente ed efficace, mentre il pratico indicatore di livello aiuta a capire quando il momento di procedere con lo scarico.

Pro: gli utenti Amazon che lo hanno acquistato hanno apprezzato molto l'elevato livello di comfort di questo prodotto che, proprio per la sua comodità, può essere utilizzato anche in casa,

Contro: l'unica pecca di questo prodotto che emerge dalle recensioni presenti online è la mancanza del porta rotolo integrato.

Giganplast

Questo WC portatile di Giganplast è un prodotto che si differenzia dagli altri perché, oltre ad essere molto comodo, è ecologico perché non necessita di prodotti chimici per essere utilizzato. Sotto la tavoletta, infatti, è presente un contenitore che per pulirlo viene semplicemente svuotato o, in alternativa, occorre semplicemente mettere un sacchetto sotto la tavoletta e gettare solo quello dopo averlo utilizzato. La seduta risulta molto comoda, mentre la presenza del porta rotolo e la funzione bidet lo rendono uno strumento igienico perfetto da utilizzare in ogni circostanza.

Pro: il rapporto qualità/prezzo che consente di acquistare un prodotto ideale da utilizzare sia indoor che outdoor senza spendere troppo e dotato di tutte le comodità.

Contro: alcuni utenti segnalano che la seduta è leggermente meno ampia rispetto a quella di altri modelli, anche se la struttura in plastica risulta molto solida e adatta anche a sorreggere pesi un po' più elevati.

BB Sport

Il WC chimico portatile BB Sport è l'ideale per una vacanza in tenda o da portare in campeggio quando si vuole evitare di utilizzare i bagni in comune messi a disposizione dalle strutture. È un modello molto resistente e robusto che si caratterizza per il serbatoio di scarico rimovibile e dotato di pratica valvola di sfiato che consente di pulirlo in modo igienico e sicuro. Un'ulteriore caratteristica è la presenza di un'efficiente pompa a soffietto che aziona uno scarico molto potente e che consente di avere un bagno portatile sempre pulito. L'indicatore di livello, inoltre, aiuta a capire quando il serbatoio deve essere svuotato.

Pro: la portata di ben 130 Kg, che lo rende utilizzabile anche dalle persone di una certa corporatura, e la capacità del serbatoio che ne consente un utilizzo continuo per quasi una settimana.

Contro: stando a quanto emerge dalle recensioni presenti online, può risultare un po' più pesante da trasportare rispetto agli altri modelli, anche se è il materiale robusto e solido che lo compone a renderlo meno leggero.

Enders Deluxe

Uno dei migliori bagni portatili acquistabili online è Enders Deluxe, un modello apprezzato anche per il design che lo rende utilizzabile non solo in campeggio ma anche in casa per aiutare le persone con difficoltà di deambulazione. Un indicatore di livello a forma di triangolo cambia colore per far intuire quando è giunto il momento di svuotarlo, molto utile per evitare inconvenienti, mentre il serbatoio per le acque di scarico rimovibile è facile da svuotare. Il rullo di trasporto, infine, rende facile il suo spostamento ovunque si preferisce.

Pro: insieme al WC chimico portatile sono compresi anche 4 rotoli di carta igienica solubile, 2,5 Litri di prodotto chimico per le acque nere e 1 Litro di liquido per le acque chiare dello scarico.

Contro: dalle recensioni degli utenti che l'hanno acquistato non emergono particolari criticità. Qualcuno segnala che può risultare leggermente basso per le persone un po' più alte.

BranQ

Un WC chimico portatile dall'ottimo rapporto qualità/prezzo è BranQ, ideale per affrontare lunghi viaggi in camper o in roulotte senza problemi. La plastica utilizzata per realizzarlo risulta molto solida e robusta, capace di reggere un peso importante, superiore ai 90 Kg. Si tratta di un modello molto semplice, composto da una parte superiore che può essere smontata e da un secchio inferiore, ma che compie comunque il suo dovere. Si tratta di un modello versatile perché può essere utilizzato anche come classico secchio per la spazzatura.

Pro: nonostante la plastica sia molto solida e resistente, questo bagno portatile risulta molto leggero e pratico da trasportare anche grazie ad una maniglia, ideale per trascorrere giorni all'aria aperta.

Contro: si tratta di un modello sicuramente basilare rispetto a quelli indicati precedentemente, ma che può essere utilizzato sia in casa che in campeggio senza problemi.

Thetford Porta Potti 165

Facile da montare e da smontare, anche questo modello di WC chimico di Thetford si adatta alle diverse esigenze grazie alle sue caratteristiche. La sua seduta risulta particolarmente comoda perché alta e, di conseguenza, adatta anche per le persone un po' più anziane che hanno difficoltà nei movimenti, anche se è facilmente utilizzabile anche dai bambini. Nonostante il robusto materiale plastico che lo compone, Porta Potti 165 non risulta pesante ed è dotato di una pratica maniglia per il trasporto del serbatoio.

Pro: questo modello viene molto apprezzato perché non emette cattivi odori grazie all'apposito sistema di scarico: è quindi possibile posizionarlo ed utilizzarlo anche in casa senza inconvenienti.

Contro: alcuni utenti segnalano la mancanza degli indicatori di livello, anche se entrambi i serbatoio sono così capienti da garantire un'ottima autonomia di utilizzo.

Samger

Samger è un bagno chimico portatile che presenta una seduta dotata di coperchio comoda, robusta e a grandezza naturale, adatta sia per gli adulti che per i bambini. Le serrature laterali sono resistenti alla corrosione, mentre la presenza di una valvola di scarico a doppia tenuta è stata concepita per evitare perdite e la diffusione di cattivi odori. Lo sciacquone è simile a quello di un normale bagno perché è sufficiente premere l'apposito pulsante per rilasciare l'acqua chiara. Proprio per queste caratteristiche è ampiamente utilizzato per il turismo, nei campeggi e per i lunghi viaggi in camper o in roulotte.

Pro: lo svuotamento risulta una procedura molto semplice perché il serbatoio, con una capacità di 20 Litri, è staccabile ed è dotato di una maniglia che agevola il trasporto.

Contro: tutti gli utenti Amazon che hanno acquistato questo prodotto risultano soddisfatti dell'acquisto.

Thetford Porta Potti 145

Concludiamo la nostra lista contenete i migliori WC chimici portatili con Porta Potti 145, un altro modello di Thetford che, anche se apparentemente può apparire basilare, risulta molto comodo e pratico da utilizzare in campeggio, durante delle escursioni o delle lunghe in gite in camper. La sua principale caratteristica, infatti, è la facilità di trasporto, qualità conferitagli dalle sue dimensioni compatte e dal peso di soli 3,6 Kg. Con i suoi 33 x 38,3 x 42,7 centimetri, infatti, è utilizzabile comodamente in qualsiasi luogo, anche all'interno di una barca.

Pro: questo modello compatto e leggero risulta particolarmente indicato per tutti coloro che hanno necessità di un prodotto del genere ma non hanno a disposizione ampi spazi.

Contro: dalle recensioni presenti online non emergono particolari criticità o problematiche relative all'utilizzo di questo bagno portatile.

Come scegliere il miglior WC chimico

Dal momento che si tratta di uno strumento sanitario che, a differenza di quello fisso, si utilizza in tutti quei luoghi che non dispongono di allaccio alla rete fognaria o quando si è in viaggio, in campagna, in campeggio o in camper, scegliere un WC chimico che si adatti alle proprie esigenze può risultare complicato se non si conoscono tutti gli elementi da valutare. Vediamo insieme quali sono i fattori che bisogna considerare prima di acquistarne uno.

  • Capacità dei serbatoi: è la prima caratteristica da valutare per riuscire ad acquistare il prodotto più adatto a seconda delle esigenze personali. Se, infatti, chi lo utilizzerà è una coppia che trascorrerà un week-end fuori città è ovvio che la scelta debba ricadere su modelli che non hanno una capacità troppo elevata, mentre se occorre ad un intero nucleo familiare, in vacanza o meno, occorre che questi siano abbastanza capienti per garantire una buona autonomia.
  • Dimensioni: anche in questo caso bisogna conoscere preventivamente dove sarà utilizzato il bagno chimico portatile. In commercio sono disponibili tante varietà di questo prodotto, anche per quanto riguarda le misure e le dimensioni delle parti che lo compongono. Se, ad esempio, si ha la necessità di utilizzarlo in barca o in camper non troppo spaziosi, è consigliabile scegliere un modello non troppo ingombrante, mentre se l'utilizzo è domestico si può optare anche per un modello più comodo. In questo caso è possibile optare per un WC che abbia un'altezza anche di 41 cm, simile a quella di un normale bagno, ed una tazza ampia per agevolare la seduta. Specifichiamo, inoltre, che è possibile acquistare bagni portatili che riescono a sopportare anche fino a 130 Kg di peso.
  • Facilità di trasporto: dato che la sua caratteristica principale è la possibilità di poterlo trasportare ovunque, è necessario valutare qual è il peso del modello che si ha intenzione di acquistare e se è dotato di maniglie o ruote che agevolino il trasporto. In linea generale i WC chimici portatili hanno un peso che, da vuoti, si aggira intorno ad un minimo di 3 Kg ad un massimo di 6 Kg, anche se, come detto, alcuni presentano un sistema di ruote che facilitano sia il movimento sia lo svuotamento dei serbatoi.
  • Svuotamento: come è possibile immaginare, ad un certo punto i serbatoi del bagno portatile vanno svuotati: come e dove? Ovviamente per effettuare questa operazione è necessario recarsi in luoghi appositi, come quelli presenti nelle stazioni di servizio, nelle aree in cui è possibile scaricare le acque nere dei camper e delle roulotte oppure, se se ne fa un utilizzo domestico basta gettare tutto nel normale gabinetto di casa. Un'alternativa è quella di utilizzare dei sacchi biodegradabili appositamente realizzati per questi scopi che possono essere seppelliti e che contengono una polvere che trasforma i rifiuti da liquidi a solidi. Per quanto riguarda la carta igienica è preferibile acquistarne una biodegradabile che si dissolve rapidamente. Ricordiamo comunque che è molto importante utilizzare anche prodotti chimici che non solo igienizzano, ma hanno anche lo scopo di liquefare i materiali organici.
  • Tipologia d'acqua utilizzata: è un aspetto da tenere in considerazione sia per quanto riguarda le acque chiare per lo scarico, sia per quanto riguarda la capacità di contenimento delle acque nere del serbatoio. Molti bagni chimici portatili con un serbatoio dalla capienza di 16 Litri, garantiscono un massimo di 50 risciacqui. Questo è un valore da valutare perché da un'idea dell'acqua che bisogna avere a portata di mano nel momento in cui ci si affronta, ad esempio, una gita o un'escursione in posti isolati.  In egual modo è importante valutare la capacità del contenitore delle acque nere, che può andare dai 12 Litri in su, perché da un'idea di quante volte va svuotato.
  • Frequenza di utilizzo: sembra scontato ma non lo è. Sapere lo scopo e la frequenza di utilizzo di un WC chimico portatile è fondamentale per compiere la scelta giusta. Se lo si utilizza per lunghi spostamenti è necessario sceglierne uno con una seduta ampia e comoda, facile da pulire, dotato di porta rotolo, di indicatori di livello e di valvole che evitano la fuoriuscita di cattivi odori. Se, invece, lo si utilizza in casa per persone anziane o con problemi di deambulazione può essere scelto anche un modello "a secco" e che non necessita di prodotti chimici per liquefare i rifiuti organici.

Dove svuotare un WC chimico

Vediamo adesso come capire quando è giunto il momento di svuotare il serbatoio delle acque nere per evitare inconvenienti e cattivi odori. Molti modelli, soprattutto quelli più moderni, sono dotati di un indicatore di livello luminoso che fa capire quando si deve procedere con lo svuotamento manuale ed evitare spiacevoli inconvenienti. Una volta intuito quando è giunto il momento di procedere è necessario recarsi in delle aree apposite, come i Camper Service, indicate appositamente da dei cartelli o sulle riviste per gli appassionati di camper e dei viaggi in roulotte. In alternativa è possibile utilizzare dei sacchi biodegradabili appositi contenenti delle polveri che trasformano i rifiuti da liquidi a solidi e che possono essere seppelliti ad almeno 15 cm di profondità e ad almeno 100 metri da una qualsiasi fonte d'acqua. Se, invece, il WC chimico portatile viene utilizzato in casa è possibile gettare il contenuto del serbatoio delle acque reflue nella normale toilette.