Tra il Bosco verticale, la Torre Unicredit e Piazza Gae Aulenti sta per nascere un nuovo parco urbano, il terzo più grande di Milano. Il nuovo polmone verde di Porta Nuova occuperà un'area di 95.000 metri quadri, dove troveranno collocazione 450 alberi di differenti specie arboree, 34.800 metri quadrati di prato e circa 90.000 metri quadrati di piante e arbusti. Il 24 settembre 2017 si darà inizio effettivo alla creazione di questa futura area verde alla quale tutti i cittadini possono contribuire partecipano alla semina collettiva.

La semina.

Non ci sono libri ma alberi nella nuova Biblioteca di Porta Nuova, una foresta fitta che comprenderà anche una vasta area destinata agli orti urbani. Caratteristica del nuovo parco sarà la varietà di percorsi e sentieri, con aree dedicate all'intrattenimento infantile, ma anche al relax, alla contemplazione della natura e allo sport. Gli alberi andranno a creare delle stanze tematiche, che definiscono le differenti aree del parco in base alle attività da svolgere. Il 24 settembre 2017 verranno seminati 3.500 metri di prati di questa enorme area verde alle spalle del Bosco Verticale. La partecipazione è gratuita e aperta a tutti, nell'ambito della manifestazione Green City Milano 2017. A novembre sarà invece il tempo di installare alberi e piante e il completamento del parco è previsto per agosto 2018.

Il parco.

La Biblioteca dei Libri accoglierà eventi culturali, commerciali e ricreativi. Le differenti "stanze" create dagli alberi e piante, posizionati in forma circolari, renderanno possibile la creazione di vari spazi raccolti con diverse finalità. Ogni spazio raccolto, cerchio, è indicato da scritte tracciate sui sentieri che percorrono tutto il parco. I sentieri creano invece una mappa di aree irregolari chiamate "campi" dove sono piantati gruppi di piante o cespugli che creano dei giardini architettonici e ornamentali. Sono già state installate le griglie di plastica neu vari percorsi per far sì che le persone possano camminare sull'erba senza sradicare il manto erboso. Per quanto riguarda gli orti urbani, sarà la Fondazione Riccardo Catella ad occuparsi di laboratori didattici per la coltivazione. Non resta che prendere parte all'evento di semina previsto per il 24 settembre 2017.

Il parco sarà un giardino sistematizzato, che offre non solo diverse esperienze e sensazioni del paesaggio, ma offre altresì un efficiente spazio all’aria aperta da usare nel tempo libero, per attività sportive ed eventi. I sentieri, i campi e le foreste circolari del parco formano uno spazio pubblico molto vario, capace di ospitare programmi culturali, commerciali e ricreativi: da piazzole o teatri all’aperto fino ad aree di gioco e campi sportivi, da terrazze e giardini a salotti e zone per picnic, da mercati a gallerie d’arte, da sale per concerti a spazi per conferenze, ad ambienti ideali per chi ama le piante.