Quando si era bambini il desiderio di scendere in cortile, per strada o nel giardino del palazzo per giocare con gli altri bimbi della zona o del condominio era un desiderio irrefrenabile. Finire i compiti di scuola significava godere della libertà del gioco, della felicità condivisa con gli altri bambini. Specialmente nei pomeriggi di primavera, quando iniziano ad allungarsi le giornate e il primo caldo fa venir voglia di fuggire da quelle quattro mura di casa. Poi d'estate, l'afa in città, rende inevitabile trascorrere il maggior numero d ore possibili all'aria aperta e il gioco è il coronamento di quel tempo passato lontano da casa. È a quelle sensazioni infantili di svago e goliardia che si è ispirato l'artista argentino Daniel González quando ha trasformato un normale cortile di Milano in un cartone animato.

Daniel González presenta Pop-Up Building Milan, il cortile milanese trasformato in un libro animato per bambini. L’edificio che ospita lo spazio milanese è stato completamente stravolto nella sua fisionomia esterna, divenendo una grande installazione animata da González: una fiaba di cartone, una struttura dinamica ispirata all’estetica dei libri pop-up per bambini, un gioco di forme che compaiono come una sorpresa. Ispirato alle architetture effimere di epoca Barocca del Bernini, "Pop-Up Building Milan è un modello architettonico impazzito, un monumento fantastico, che interviene nel contesto urbano, interagendo con il territorio, costruendo un mondo di innocenza dentro una realtà possibile. Un'idea che vive solo per un breve periodo, il tempo di girare pagina.", spiega Marsèlleria mostra permanente che cura il progetto artistico, "L’installazione sarà infatti in corso fino alla fine del mese di ottobre". Qui altre immagini del progetto.