24 Giugno 2021
17:35

Queste sono le prime case per vivere sulla Luna

Lo studio di architettura Skidmore, Owings & Merrill (SOM), ideatore di molti dei grattacieli più alti del mondo, lancia il primo insediamento umano permanente sulla superficie lunare. Si chiama Moon Village e nasce in collaborazione con gli esperti dell’ESA e il MIT di Boston. Il progetto guarda al futuro e permette di realizzate strutture in cui sarà possibile vivere sulla Luna per almeno 300 giorni alla volta.
A cura di Clara Salzano

Lo studio di architettura Skidmore, Owings & Merrill, ideatore di molti dei grattacieli più alti del mondo, ha progettato un habitat per vivere sulla Luna. Si chiama Moon Village e nasce in collaborazione con gli esperti dell'ESA e il MIT di Boston. Il progetto si ispira al modulo BEAM gonfiabile attualmente collegato alla Stazione Spaziale Internazionale e consiste in una struttura a guscio semigonfiabile che permetterebbe la vita sulla Luna ad un equipaggio di quattro persone per un massimo di 300 giorni alla volta.

Credit Skidmore, Owings & Merrill
Credit Skidmore, Owings & Merrill

"Questo studio guarda chiaramente al futuro, oltre l'orizzonte delle attività di esplorazione lunare attualmente pianificate. Ma è stato un esercizio molto interessante per i vari esperti dell'ESA, collaborare con esperti di architettura, identificare e affrontare i driver e i modi in cui questo design innovativo potrebbe essere implementato sulla Luna", con queste parole Advenit Makaya, responsabile dello studio dell'ESA commenta il progetto di Moon Village di SOM che ha progettato una struttura a guscio semigonfiabile da gonfiare sulla superficie lunare, raggiungendo circa il doppio del suo volume interno originale: "All'interno abbiamo pensato molto all'esperienza umana, in termini di condizioni di illuminazione, architettura flessibile che può essere riconfigurata secondo necessità e anche spazio dal pavimento al soffitto alto: un sesto G lunare significa che i membri dell'equipaggio possono raggiungere molto più in alto, e lo incoraggiamo utilizzando barre di presa e altri semplici ausili.", commenta lo studio SOM.

Credit Skidmore, Owings & Merrill
Credit Skidmore, Owings & Merrill

Monn Village sorgerà sul bordo del cratere Shackleton, accanto al Polo Sud lunare, che è stato descritto come il luogo più desiderabile del Sistema Solare perché qui non si trovano le paralizzanti temperature estreme dei giorni e delle notti lunari e la luce solare è quasi continua in modo da sfruttare l'energia solare. L'habitat a quattro piani verrebbe gonfiato localmente dagli astronauti oppure tramite rover teleoperati dalla stazione Gateway intorno alla Luna e potrebbe mantenere il suo equipaggio di quattro persone vivo e a suo agio per un massimo di 300 giorni alla volta. Una singola unità offre una volumetria netta abitabile fino a 390 metri cubi e una superficie utile netta fino a 104 metri cubi distribuiti su più livelli. I singoli moduli pressurizzati sono progettati per gonfiarsi ed espandersi per aumentare lo spazio utente per la crescita futura e i requisiti del programma. Il concetto prevede strutture da tre a quattro piani, con spazi di lavoro, alloggi e sistemi di controllo ambientale e di supporto vitale. Queste strutture gonfiabili fornirebbero, insieme a gusci protettivi a base di regolite, resistenza a temperature estreme, proiettili, polvere di regolite e radiazioni solari.

Una volta realizzato il primo habitat, il team SOM prevede di poter realizzare moduli aggiuntivi che si uniscono a loro volta, personalizzati per funzioni specifiche come ricerca, produzione, cultura del cibo e turismo, consentendo alla base di espandersi in un villaggio, quindi eventualmente in una città. "Il termine ‘villaggio' in questo contesto si riferisce a questo: una comunità creata quando i gruppi uniscono le forze senza prima sistemare ogni dettaglio, ma semplicemente riunirsi nell'ottica di condividere interessi e capacità", conclude Johann-Dietrich Wörner alla conferenza stampa dell'ESA, "Moon Village non è un singolo progetto, né un piano fisso con un orario definito. È una visione per un'architettura aperta e un'iniziativa della comunità internazionale". Il progetto è stato presentato alla 14. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia.

Queste case scompaiono nel bosco per vivere completamente immersi nella natura
Queste case scompaiono nel bosco per vivere completamente immersi nella natura
Queste case prefabbricate sono completamente autosufficienti per vivere liberi ovunque
Queste case prefabbricate sono completamente autosufficienti per vivere liberi ovunque
Queste case galleggianti formano una comunità autosufficiente contro il degrado biologico
Queste case galleggianti formano una comunità autosufficiente contro il degrado biologico
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni