"Mentre alcuni politici continuano a discutere sulla costruzione di muri ridicoli, gli artisti urbani di tutto il mondo si apprestano a decorarli", così l'Associazione creativa di Mosca, Artmossphere, spiega l'intervento dell'artista Misha Most sulla parete della fabbrica metallurgica Vyksa. L'opera è il più grande murale dipinto da un artista che sia mai stato realizzato. L'intervento ha richiesto trantacinque giorni di lavoro e cinque persone all'opera. È stato di recente presentato in occasione del festival Art Ovrag.

Il grande murale di Misha Most misura 10.800 metri quadrati. L'opera, dal titolo "Evlution 2" è stata realizzata su un vecchio complesso industriale nella città russa di Vyksa. È dedicato al 25° anniversario della Compagnia Metallurgica Uniti (OMK) e al 260° anniversario dell'impianto metallurgico Vyksa. Anche se i Guinness World Records ancora non hanno ancora diffuso la notizia ufficiale, il murale di Most è al vaglio per il record mondiale come il più grande murale dipinto da un artista.

Misha Most è uno street art giovanissimo, classe 1997, che ha già esposto in in Russia, Ucraina. Azerbajan, Stati Uniti d'America, Italia, Svizzera, Germania, Francia e altri paesi. Il giovane artista è un sostenitore della street art illegale. La maggior parte dei suoi lavori si ispirano ai racconti di fantascienza degli anni Sessanta e Settanta , basati spesso sulla vita nel futuro: "Il futuro è tradizionalmente associato a determinati cambiamenti: nella società, nei cambiamenti personali, nella psicologia e nella fisiologia personale, nei rapporti, nell'ambiente e natura. L'elemento grafico essenziale del progetto è uno scienziato, un uomo robotizzato, un androide umano, così come gli elementi della chimica, della fisica e di altre scienze. Tendo a visualizzare i pensieri nella testa del ricercatore".