Photo Credit: L’Orto in Campania
in foto: Photo Credit: L’Orto in Campania

Alberi ed essenze aromatiche, finocchi, scarole e lattuga, non stiamo parlando degli ortaggi del giardino della vostra vicina, né delle piante del parco più vicino a casa vostra, ma è il nuovo orto cresciuto nel luogo simbolo di Napoli, Piazza del Plebiscito. Dimenticate dunque la normale pavimentazione con la quale avete sempre visto la Piazza, dal 16 al 19 ottobre 2015 ci sarà un vero orto sotto la Cupola della Basilica di San Francesco di Paola e gli occhi vigili delle statue dei Sovrani di Napoli. In occasione di Futuro Remoto, L’Orto in Campania, progetto nato nel 2011 come simbolo del programma di differenziazione dei rifiuti del Centro Commerciale Campania di Marcianise, arriva nel cuore della città, si sdoppia grazie all'idea del gruppo “nove.architetti”: gli stessi architetti che cinque anni fa, ancora studenti della facoltà di architettura, concepirono lo spazio di Marcianise.

L'Orto progettato per Piazza del Plebiscito è uno spazio di educazione temporaneo. Elementi contenitivi e d'appoggio, vasche e sedute a diverse quote animano la struttura basata sulla matrice complessa del diagramma di Voronoi. Tale diagramma "consente una decomposizione della struttura secondo una tassellatura apparentemente casuale, ma generata opportunamente per abbracciare le forme semisferiche dei padiglioni a cui l'orto è accostato", spiega il gruppo nove.architetti (di cui Ciro Borrelli – Salvatore Carbone – Simona Castagliuolo – Paola Cecere – Federica Galasso – Gaia Santamaria Amato hanno partecipato al progetto per Futuro Remoto), "Ogni modulo/cellula in legno lamellare è elemento autonomo di un insieme che, al termine della manifestazione, potrà facilmente essere smontato e ricollocato, grazie ad un sistema costruttivo pratico di cerniere, che mette in risalto bordi e spigoli evidenziati cromaticamente". Grazie a questa struttura complessa l'orto può essere percorso all'interno offrendo la possibilità di avere un punto di vista duplice sulla natura: il carattere materico tipico di un suolo agricolo che potrà essere calpestato attraverso il posizionamento di un pavimento trasparente; e un carattere più etereo fornito dalla presenza di piante sospese o rampicanti che, dall'alto di un pergolato la cui forma segue sempre la matrice, verranno riflesse grazie ad un pavimento a specchio, andando a formare anche delle zone d'ombra interne. Al centro del progetto c'è quindi l'orto con i prodotti della terra, ma le passeggiate didattiche, organizzate in occasione di Futuro Remoto, consentiranno anche uno sguardo curioso verso ciò che cresce sotto il terreno e cosa è possibile vedere al di sopra. La manifestazione organizzata a Piazza del Plebiscito dal 16 al 19 ottobre, sarà anche un'occasione per approfondire attività dedicate all’agricoltura sostenibile, la sana alimentazione, la lotta agli sprechi, il riciclo dei rifiuti. L'Orto in Campania, all'interno del percorso di visita di Futuro Remoto, sarà aperto a tutti dalle 10 alle 22.