in foto: Tianjin Library – MVRDV ©Ossip van Duivenbode

Entrare in un luogo del sapere di per sé già pone in uno stato di rispettosa riverenza davanti a tanti importanti contenuti ma nella Biblioteca di Tianjin Binhai, progettata dallo studio MVRDV con l'istituto di pianificazione urbana e design di Tianjin (TUPDI), è impossibile non restare a bocca aperta per l'amenità del luogo. La futuristica biblioteca, una parte di un più grande complesso culturale di Tianjin, in Cina, ruota intorno ad un auditorium sferico che forma una sorta di occhio che guarda verso l'esterno dall'interno di una teca. L'edificio funge non solo da centro di istruzione ma anche come connettore all'interno del quartiere culturale di recente formazione per la città.

La biblioteca futuristica si trova all'interno di una teca di vetro protetta, caratterizzata da una copertura a volta come se si entrasse all'interno di una cattedrale del sapere. La Biblioteca di Tianjin Binhai è uno dei cinque edifici del complesso culturale disegnato da un team internazionale di architetti tra cui Bernard Tschumi Architects, Bing Thom Architects, HH Design e GMP. Il progetto di MVRDV è stato eseguito in un tempo da record: ci sono voluti tre anni per completare l'edificio che oggi lascia tutti senza fiato. "Librerie a schiera che riproducono la forma della sfera creano un paesaggio interno, topografico, i cui contorni si estendono e avvolgono la facciata. In questo modo, le scaffalature a gradini all'interno sono rappresentate all'esterno, con ogni livello raddoppiando come una lamina", spiegano gli architetti.

La Biblioteca di Tianjin Binhai si sviluppa su cinque livelli, che contengono un vasto programma di strutture didattiche: il livello sotterraneo comprende spazi di servizio, archiviazione di libri e un grande archivio; il piano terra è il punto di accesso alla struttura, attraverso una grande atrio luminoso, da è facile arrivare alle aree di lettura per i bambini e gli anziani e al resto del complesso culturale, all'auditorium e ai terrazzi posti ai piani sopra; al primo e secondo livello si trovano le sale di lettura, le aree lounge, le sale riunioni, uffici, sale computer e le sale audio. attraverso il suo design futuristico, l'edificio diventerà elemento di giunzione tra la città vecchia, i quartieri residenziali, le aree commerciali e il quartiere governativo della nuovo masterplan di progetto: "l'Occhio e la sua area semi-pubblica circostante", spiegano i progettisti di MVRDV, "sono uno spazio interno, come un'icona invertita, che agisce come punto centrale e folle nell'edificio".