Nell'agosto 2020 aprirà in Svezia un ristorante unico al mondo. Si chiamerà Nowhere ed è un ristorante immerso nella riserva naturale di Häringe, avrà solo sei tavoli in diverse ambientazioni, nell'isolamento più totale. Progettato dallo studio di design The Norrmans, Nowhere sarà il ristorante più "socialmente distanziato del mondo". Gli ospiti avranno la possibilità di provare la cucina delle chef Marion Ringborg e Linn Söderström dietro il progetto di ristoranti pop up Garba.

"Nowhere è il posto perfetto. È un posto senza prestigio. Non importa chi sei. Non discrimina. Non è né inclusivo né esclusivo. Non ha arroganza, vanità e spavalderia. Non ama nessuno. Non odia nessuno. Nowhere non è mai una destinazione. Nowhere è il tuo cortile che non trovi mai il tempo di abbellire. Sono i boschi che attraversi mentre vai al lavoro. Nowhere è un parco, una panchina o una collina. Nowhere è un luogo che prova la massima indifferenza contro tutto e tutti. Non ha un'opinione. Non ha un ordine del giorno. Non sembra niente. Nowhere è qualcosa di cui abbiamo disperatamente bisogno in questo momento. Questo è il motivo per cui non abbiamo preso nulla e ce l'abbiamo fatta da qualche parte. La zattera, il bordo e il boschetto. Questi sono alcuni dei tavoli che possono essere prenotati presso Nowhere – un ristorante che porta il distanziamento sociale a un livello completamente nuovo nel mezzo della natura svedese".", così i creatori di Nowhere definiscono questo ristorante unico al mondo. Ha solo sei tavoli, tutti in posizioni differenti e con nomi diversi in base all'ambientazione, e tutti immersi nella natura incontaminata della riserva naturale di Häringe. Gli ideatori del progetto sono i fondatori di Oddbird, la cantina che produce vino senza alcol che ha deciso di aprire un ristorante temporaneo appena fuori Stoccolma.

I sei tavoli sono immersi nella natura, in luoghi particolarmente belli della riserva, lontani tra loro in modo da evitare qualsiasi contatto con gli altri ospiti, nel mezzo della foresta, nei campi e sull'acqua: "Nel corso del tempo, siamo diventati esperti nel fuggire, sia mentalmente che fisicamente, ma a causa della crisi della corona, siamo stati radicati e costretti a fermarci", dice Mehmet Gürbüzer di Oddbird, "Invece di viaggiare all'estero, ora ci troviamo nella natura e scopriamo luoghi magici che in precedenza non avevamo considerato destinazioni. Non è proprio il posto in sé che vogliamo raggiungere con Nowhere ma piuttosto uno stato d'animo".