"Open House" è l'invenzione dell'artista Matthew Mazzotta che è riuscito a trasformare una deliziosa casa rosa in un teatro funzionante in un tempo record. L'opera nasce dall'idea di riconvertire un immobile degradato, un rudere della città di York, in Alabama, e trasformarlo da un luogo di perdita di spazio in uno spazio pubblico. Il progetto è il primo nel suo genere ed è veramente geniale: trasformare una normale casa in un teatro pubblico all'aperto che può ospitare circa 100 persone.

Dall'esterno sembra una casa tradizionale di un delizioso colore rosa, di legno e col tetto a falde. All'interno i mobili sono tutti ricavati dalle pareti ma come per magia in pochi minuti i vari pezzi della casa si trasformano in un comodo teatro all'aperto. Utilizzando materiali della costruzione originale, una vecchia casa fatiscente, tipica della zona di York, e con l'aiuto di cerniere industriali appositamente commissionate, la casa si presta ad essere piegato e spiegato a mano in base alla necessità della comunità. Quando è chiusa, nonostante funga da abitazione tradizionale, la casa non è utilizzata come residenza perché pubblica, ma, grazie a Mazzotta, i residenti di York hanno ora uno spazio pubblico in cui raccogliersi e impegnarsi in eventi ricreativi fondamentali all'interno di una comunità. L'idea della Open House è infatti partita dai residenti stessi di York che avevano espresso "l'amore per York, ma anche la loro frustrazione per la perdita di uno spazio pubblico per la comunità, la diffusione della ruggine e la mancanza di spazi sociali integrati e secolari", spiega l'artista, "Il declino economico, i bassi valori immobiliari e le imposte, i proprietari terrieri assenteisti, la mancanza comunale di risorse e infrastrutture, la povertà e il razzismo hanno portato al declino di York come luogo pubblico", ma Mazzotta è riuscito a trovare una soluzione ideale per tutti gli abitanti di York.